Trend

I principi che le aziende dovrebbero seguire per una video strategy di successo

È importante agire stimolando le persone e si può fare utilizzando alcuni concetti di neuromarketing

Il mondo è pieno di esperti di marketing, soprattutto il mondo online: oceani di consigli sui blog per aiutare gli imprenditori ad aprire il vaso di pandora, a fare finalmente i soldi sfruttando i media digitali. Quali strategie utilizzano gli esperti? Fanno semplicemente ciò che consigliano ai loro follower: il 2017 ha sentito risuonare in ogni angolo del web il mantra “hare hare video video”.

E nel 2018? Il mantra non cambia

Per esempio Neil Patel, autore di bestseller per il New York Times, ha recentemente pubblicato un articolo sul suo blog, spiegando perché spenderà ben 144.000 dollari su contenuti video nel 2018. Ma perché questi video sono così importanti e funzionali a raggiungere i nostri obiettivi?

principi-video-strategy-successo-alessandro-brancati-1

Ci sono molte risposte a questa domanda ed è interessante notare questo primo aspetto: internet è saturo di video e secondo il Visual Networking Index di Cisco, entro il 2021, un milione di minuti di contenuti video attraverseranno la rete IP globale in un secondo, rappresentando l’82% del traffico web. Pertanto bisognerebbe riuscire ad imporre la propria voce, o meglio, imparare a farsi ascoltare ed il video rappresenta uno dei formati più utili a veicolare il proprio messaggio.

È sufficiente fare un video?

La domanda che striscia nel cervello dei marketer è come riuscire a trovare il miglior modo per comunicare la propria iniziativa. Annunciare il marchio/prodotto tagliando un nastro nell’ufficio non è ovviamente sufficiente per far sapere al mondo che qualcosa di nuovo è arrivato. È necessaria la copertura mediatica, testimonial di spicco e grandi eventi di lancio.

LEGGI ANCHE: Perché YouTube ha riscritto l’algoritmo. E cosa cambia adesso

Le persone cercano sempre una soluzione ai loro problemi, un’alternativa alle opzioni esistenti e un modo per attrarre le persone potenzialmente interessate è raccontare il proprio modo di essere utilizzando soggetti che potrebbero essere persuasivi verso i target di riferimento: sfruttare quindi l’immaginazione costituisce un passo fondamentale, bisogna comprendere quali sono veramente gli interessi delle persone e perché tra miliardi di video debbano proprio guardare il nostro. Fermo restando che il nostro obiettivo non è solamente far guardare il nostro video, ma fare in modo che il nostro contenuto visuale riesca a convertire i lead in clienti.

principi-video-strategy-successo-alessandro-brancati-2

L’abito non fa il monaco ma la prima impressione è fondamentale

Dicono che la prima impressione è la migliore impressione! Un prodotto innovativo ottiene il suo vero valore quando l’utente finale lo comprende e sa come usarlo, tuttavia, non si può pretendere e supporre che tutti sappiano tutto. Le persone cercano aiuto, soprattutto nei confronti del venditore, quando rimangono bloccati da qualche parte nel processo di utilizzo del prodotto ed è in questa fase che nasce la necessità di un video dimostrativo.

Neuroni specchio: mostrarsi sempre felici

Si dovrebbe contare su video di testimonianze, vi spiego il perché con il concetto dei neuroni specchio: vi capita mai di fare zapping in televisione e quando proprio non c’è nulla di nulla, rimanete a guardare programmi sul genere dell GF Vip o L’Isola dei Famosi?! Ok,  sottintendendo il fatto che stiamo parlando di prodotti di discutibile qualità culturale, a volte, alcuni momenti di questi programmi possono emozionare anche i più scettici. Perché?

principi-video-strategy-successo-alessandro-brancati-3

Qui agiscono i neuroni specchio, ovvero, immaginando una scena relativamente triste come, per esempio, l’incontro tra moglie e marito che non si vedono da tre mesi, gli autori inseriscono una musica ad hoc che faccia entrare lo spettatore nella scena e poi le emozioni dei protagonisti in video finiscono per essere appunto “specchiate” dentro di noi, facendoci emozionare come se noi stessi fossimo i protagonisti

Capiamo quindi ancora meglio per quale motivo il contenuto video dovrebbe rappresentare la chiave per qualsiasi attività commerciale per rimanere in contatto con i propri clienti.

Responsabilità sociale

Certamente, la conoscenza e il denaro gettano le fondamenta per un’azienda, ma ciò richiede forti pilastri di credibilità per raggiungere alte vette: un’organizzazione deve essere responsabile nei confronti della società in cui operaÈ importante perciò considerare la possibilità di creare consapevolezza tra le persone su questioni sociali e globali. 

Prendete il caso Coca-Cola che, da azienda produttrice di bibite gassate, acquisendo varie società, ha switchato diventando una compagnia di produzione di bevande in generale (succhi, acqua, ecc).

coca cola

LEGGI ANCHE: A lezione di creatività da Coca-Cola, Guinness e Apple

Ciò ha portato l’azienda  a dover sostenere forti costi in termini economici e di risorse in territori come il Sud America e ha fatto storcere il naso ad attivisti di ogni parte del mondo, poiché consumava più acqua di quanto il territorio potesse realmente sostenere, sfruttando le popolazioni locali: Coca-Cola ha capito l’importanza del sostegno verso la società e il luogo in cui opera e ha cambiato diametralmente senso di marcia, compiendo scelte in linea con le esigenze della vita quotidiana delle persone.

È quindi cruciale spiegare al proprio pubblico i motivi per i quali la vostra azienda ha scelto di aderire a determinate cause e quale formato migliore utilizzare se non il video?