Nuovo update per Google Panda in arrivo. Come cambierà la SEO?

Matt Cutts annuncia l'aggiornamento dell'algoritmo Panda per il 16-18 marzo: Google premierà sempre più la qualità dei contenuti!

Nuovo update per Google Panda in arrivo. Come cambierà la SEO?

Google Panda è pronto ad effettuare un nuovo update del suo algoritmo e a far tremare i consulenti SEO meno attenti alla qualità dei contenuti e alle strategie di comunicazione che creano valore per gli utenti.

Dal Search Marketing Expo 2013Matt Cutts ha annunciato un nuovo aggiornamento di Google Panda  - previsto per il 16 o il 18 marzo – e ha rivelato l’arrivo di alcune importanti novità che andranno a modificare i risultati nel motore di ricerca, penalizzando lo spam e i network di link. Il team di Google sembra fare sul serio: già dall’inizio del 2013 molti esperti SEO hanno notato una certa fluttuazione delle Serp, con il declassamento di alcuni website e  la conseguente rivalutazione di quei siti molto più attenti alla qualità della user experience.

Nuovo update per Google Panda in arrivo. Come cambierà la SEO?

Tra le novità illustrate da Cutts c’è anche un importante aggiornamento che rivoluzionerà la struttura di Penguin e creerà una nuova generazione di algoritmi che analizzano i backlink e la densità delle parole chiave. Al progetto sta lavorando l’intero team Webspam di Google, ma ancora non si sa quando saranno pronti per il lancio.  Quello che è certo è che la guerra allo spam di Google è solo agli inizi: Cutts ha infatti confermato esplicitamente i rumors secondo i quali nel giro di un paio di settimane ci sarà un nuovo grande update contro i network di link.

Nuovo update per Google Panda in arrivo. Come cambierà la SEO?

Come cambia la SEO con il Google Panda Update?

L’aggiornamento di Google Panda e le novità emerse al Search Marketing Expo confermano anche per il 2013 la tendenza di Google a premiare i contenuti di qualità e i website che offrono coerenza e una buona esperienza per gli utenti. Gli algoritmi di Google sembrano muoversi inequivocabilmente nella direzione di un’analisi sempre più raffinata delle pagine web e verso il miglioramento dell’accesso alle informazioni rilevanti, personalizzate a seconda del cluster di utenti.

I visitatori cercano dei contenuti che possano interessarli e sono la chiave di volta per una strategia SEO ben riuscita. Puntare sugli interessi e sulle richieste del proprio target di utenti resta il metodo più indicato per incrementare il proprio business ed essere favoriti dai motori di ricerca.

ARTICOLI CORRELATI

Google Penguin: come influenza il link building?

Exact-Match Domain su Google

L’avvento del nofollow nella SEO moderna

Google Panda arriva in Italia [BREAKING NEWS]

SEO vs. contenuti di qualità: il consiglio di Matt Cutts

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Commenta

adv
Prossimi corsi Ninja Academy