Martina Dego e L'altra, la "social fiction" thriller in onda su Facebook

Silvia Carbone
Silvia Carbone

Marketing Manager @ Ninja Academy

Conoscete L’altra – la fiction thriller in onda su Facebook? Protagonistra della storia è Martina Dego e l’altra, anzi Anitram, il nome con cui i fan hanno deciso di chiamarla.

Martina è una ragazza di 18 anni, che frequenta il quinto anno del Liceo Scientifico L. da Vinci di Castel San Giovanni, con una passione per il disegno.

Questa passione l’ha spinta a crearsi una pagina fan su cui condivide le sue creazioni e racconta, attraverso di esse, “La storia di Honami e Hoshiko”, due personaggi giapponesi creati da lei.

Nel suo status del 23 Dicembre Martina scrive “Manca poco al 23… E poi vacanze vacanze vacanze ;)”, non sa ancora che resterà chiusa per sbaglio nella biblioteca della scuola, senza che nessuno possa sentirla, nè accorgersi della sua assenza, perchè nella vita reale, un’altra Martina, anzi Anitram, identica a lei, ma con gli occhi azzurri, ha già preso il suo posto.

Comincia così L’Altra, la miniserie che fino al 30 gennaio ha raccontato la storia di Martina Dego attraverso video, immagini e aggiornamenti del suo Profilo Facebook e della sua Pagina Fan (entrambi creati settimane prima sul Social Network).

L’idea alla base di questo “Social Thriller” è di Riccardo Milanesi e della PeterPedro Produzioni Artistiche.

La serie

L’intera storia può essere rivista nella pagina fan di Martina Dego, dove oltre i video che trovate qui sotto ci sono gli status, le immagini e i commenti che hanno descritto la storia di Martina Dego.

Il trailer

01×01
01×02
01×03
01×04
01×05
01×06
01×07
01×08
01×09
01×10
01×11

I titoli di coda:

Nonostante la diffusione di un comunicato stampa che pre-annunciava l’uscita della serie (se cercate Martina Dego su Google, trovere decine e decine di “post fotocopia” e addirittura ne hanno parlato Corriere.it, ilsole24.ore.com e Sky.it), sembra che gli oltre 2.000 fan non se ne siano resi conto: nei primi giorni si preoccupano della sua situazione (c’è chi si offre di chiamare i genitori, gli amici, il bidello, il preside, ma anche i vigili del fuoco e la polizia) e della sua salute, perchè Martina è bloccata nella biblioteca, senza poter comunicare con il mondo esterno e senza cibo.

Tra i suoi amici e fan ci sono anche diversi profili “fake” che servono pilotare la narrazione.

Beh sì, i numeri non sono enormi, ma pensate che è stata proprio la partecipazione attiva degli utenti a spingere i creatori della serie ad accellerare la storia, che inizialmente doveva “andare in onda” in undici episodi, fino al 4 Gennaio.

Infatti l’interattività e l’engagement che si sono creati attorno alla fiction hanno spinto i creatori della serie ad accellerare il racconto, anticipandone la conclusione al 30 Dicembre.

Martina Dego insomma è stato un esperimento molto interessante, probabilmente il primo in Italia nel suo genere. Volendo però fare una critica, non mi è piaciuto il fatto che per alimentare l’engagement, inizialmente le persone non sapevano che Martina era solo finzione e come ho detto prima alcuni si sono davvero preoccupati, d’altronde, come racconta la cronoca in tv, il tema di ragazzini scomparsi è sempre molto attuale.

La pagina fan di Martina Dego

{noadsense}