Week in Social

Week in Social: dalle novità su Instagram Shopping all’arrivo delle Stories su LinkedIn

Mentre Instagram dichiara guerra ai Bot, LinkedIn lavora all'arrivo delle stories in piattaforma

Emanuele Loiacono 

Digital strategist & Social Media Manager @TBI Marketing

Ti piacerebbe entrare in connessione con uno dei più prestigiosi esperti italiani di Social Media e ricevere aggiornamenti continuativi e notizie imperdibili? Scopri il Social Media LIVE Program con Luca La Mesa, docente Ninja Academy.

Forse questa settimana siete stati tanto impegnati a cercare il prodotto dei desideri da acquistare durante il Black Friday da esservi persi le ultime news dal mondo dei social media. Ma niente paura. La Week In Social è qui per questo.

Scopriamo insieme le più interessanti news della settimana appena trascorsa.

YouTube in stile tv

Arrivano i film gratis su YouTube in cambio di spot pubblicitari. Questa nuova sezione è in fase di test negli Stati Uniti ma non ancora in Italia, per ora.

Una mossa che avvicina il portale video alla tv generalista. Da Terminator a Rocky, la piattaforma video ha da poco ufficializzato l’arrivo di una sezione ad hoc con circa un centinaio di titoli per i cinefili nostalgici.

youtube

Una strategia che ha l’obiettivo di rosicchiare quote di utenti dallo streaming di Amazon e Netflix.

Una grande opportunità anche per gli inserzionisti che potranno contare su un nuovo servizio per promuovere i propri prodotti e servizi, certi di raggiungere un vasto pubblico.

YouTube infatti al momento conta un grandissimo numero di persone attive mensilmente: circa 1,9 miliardi in tutto il mondo.

Anche Luca La Mesa, docente Ninja Academy, ha commentato la notizia:

Sareste disposti a vedere un film gratis in cambio di qualche interruzione pubblicitaria? Lo abbiamo fatto per anni sulla TV per cui è normale che YouTube provi la stessa strada. Sembra che a chiederlo siano stati gli utenti per cui sicuramente è un ottimo test.

Instagram lancia la guerra ai bot

È stata una delle notizie più discusse della settimana dagli esperti di social media.

In un mondo in cui il numero di like ed interazioni contribuiscono ad aumentare la nostra credibilità ed autorevolezza, Instagram lancia la sua personale battaglia a tutti gli account che utilizzano app di terze parti per aumentare like, follower e commenti sui propri profili.

Quindi, se sognavate di diventare la nuova Chiara Ferragni affidandovi semplicemente ad un bot, sappiate che la pacchia è finita. O quasi. Infatti gli sviluppatori di Instagram hanno ufficializzato lo sviluppo di strumenti di apprendimento automatico per identificare gli account che utilizzano bot, in grado di rimuovere tutte le attività considerate non autentiche.

È iniziata quindi una vera e propria guerra ai servizi di automazione su Instagram. Ma come ogni guerra che si rispetti è partito, a detta di qualcuno, anche il contrattacco.

Infatti c’è chi afferma che dietro al blocco di Instagram di qualche giorno fa, che aveva fatto schizzare l’hashtag #InstagramDown nei trend topic della giornata, ci sia lo zampino dei bot, che pare abbiano intasato i server di Instagram con la creazione di innumerevoli nuovi profili fake.

Ecco cosa ne pensa Luca La Mesa sull'argomento:

Questa è la più bella notizia del mese. Sarebbe la più bella dell’anno se decidessero anche di penalizzare in maniera chiara chi cerca continue scorciatoie pur di crescere e ottenere visibilità non genuina.

LEGGI ANCHE: Instagram rimuoverà like e follower falsi dai nostri account

Instagram shopping

Lo shopping su Instagram si arricchisce. Nel periodo più caldo dell’anno per gli acquisti online, Instagram annuncia l’arrivo di tre importanti novità novità che miglioreranno la funzione shopping sulla piattaforma.

La prima novità riguarda la shopping collection.  Se durante la navigazione su Instagram ci troviamo di fronte ad un articolo che ci piace particolarmente, potremmo salvarlo nella raccolta Shopping per rivisitarlo ed acquistarlo in un secondo momento. Una sorta di wishlist di Instagram.

instagram shopping

Sarà necessario "tappare" su un tag di un prodotto nelle storie o nel feed, toccare l’icona salva nell’angolo in basso a destra per salvarlo, come già avviene per le raccolte esistenti. Un perfetto strumento anche in vista dell’arrivo del Natale, magari per salvare idee regalo interessanti.

La seconda novità riguarda la riprogettazione della scheda shopping sui profili aziendali.

Instagram infatti sta puntando ad una più rapida visualizzazione di tutti i prodotti rendendo immediatamente visibile anche il nome dell’oggetto, il prezzo e il post con l’articolo. Un'ottima soluzione per visualizzare tutti i prodotti dei marchi che più amiamo in un unico posto.

instagram shopping

La terza e ultima novità riguarda l’inserimento del tag prodotto anche all’interno dei video pubblicati nel feed di Instagram.

In questo modo quando visualizziamo un video nel Feed di un marchio che amiamo, basterà cliccare sull’icona shopping nell’angolo in basso a sinistra per scoprire i prodotti in vetrina presenti all'interno del video.

instagram shopping

Arrivano le LinkedIn Stories

Le Stories ormai hanno conquistato l’intero pianeta. Contenuti facili da creare, immersivi, divertenti e soprattutto utilizzatissime dai giovani.

LinkedIn, secondo le ultime indiscrezioni, non ha resistito al fascino delle Stories e sta lavorando all’introduzione in piattaforma di contenuti temporanei.

LEGGI ANCHE: LinkedIn prepara una nuova generazione di pagine aziendali

Il test inizierà dagli studenti attraverso Student Voices, che sarà dedicata ai soli studenti universitari. La funzione apparirà nella schermata principale di LinkedIn e permetterà agli studenti di pubblicare piccoli video temporanei nella sezione Campus, che scompariranno dalla playlist in modo permanente dopo una settimana restando però visibili sul profilo dell’utente che li ha condivisi nella sezione attività recenti.

L’obiettivo di questa nuova funzionalità è quella di far condividere agli studenti le proprie esperienze accademiche, come progetti di classe o stage, mostrandole poi a possibili reclutatori interessati al profilo dello studente.

Una mossa che dimostra come LinkedIn stia cercando di raggiungere un pubblico più giovane rispetto a quello attuale.

Abbiamo chiesto un commento a Luca La Mesa:

Linkedin sta provando in vari modo di attrarre gli universitari e questa potrebbe essere una strada. Ad oggi sono perplesso su un eventuale estensione al suo core target (senior) ma tutto dipenderà da come verrà implementato.

Le Stories ormai hanno conquistato l’intero pianeta. Contenuti facili da creare, immersivi, divertenti e soprattutto utilizzatissime dai giovani.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy