Aggiornamenti

Ninja Summer, mercoledì 29 agosto 2018

Toyota investe su Uber, Instagram, Apple, YouTube, Facebook, Google, mining e altre notizie ninja per restare aggiornati anche sotto l'ombrellone

ninja

Shigeki Tomoyama - Toyota Connected Company

Toyota investe 500 milioni in Uber

Toyota, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, ha deciso di investire 500 milioni di dollari in Uber (l'investimento valuta Uber 72 miliardi di dollari in totale). Si tratta di un'espansione della cooperazione già in essere che ha l'obiettivo di sviluppare il mercato delle automobili autonome per il settore del ride sharing. "Questo accordo e questo investimento rappresentano un momento molto importante nella trasformazione della mobilità" ha dichiarato in una nota Shigeki Tomoyama, presidente di Toyota Connected Company.

LEGGI ANCHE: Investimento record di Toyota: 1 miliardo in Grab, l’Uber della Malesia

Il rilancio. L'arrivo di Toyota segna un rilancio per il programma di auto autonome di Uber, che ha subito una battuta d'arresto dopo l'incidente mortale in Arizona. Un incidente che ha aperto un dibattito all'interno della società su come procedere e l'ha spaccata. Con l'investimento di Toyota, il programma può ritrovare slancio.

LEGGI ANCHE: L’addio al diesel e le prossime mosse dei big per il futuro delle auto (e, soprattutto, per il loro)

La flotta Autono-MaaS. Oltre al denaro, ci sarà un'integrazione tra le rispettive tecnologie su veicoli realizzati ad hoc da Toyota e inseriti nella flotta di Uber.  La flotta iniziale, chiamata Autono-MaaS sarà basata sulla piattaforma minivan Sienna di Toyota. L'Autonomous Driving System di Uber e il sistema di supporto alla sicurezza Guardian di Toyota saranno integrati sui veicoli. Toyota userà anche la sua Mobility Services Platform, l'infrastruttura informativa per i veicoli connessi. L'inserimento pilota nella rete di ride sharing Uber delle auto autonome Toyota inizierà nel 2021.
ninja

Instagram e le college community

Instagram punta a riunire i compagni di scuola. Il social network di proprietà di Facebook sta infatti iniziando a sperimentare una nuova funzione per raggruppare gli studenti in base alle università frequentate. Gli utenti  sono invitati a unirsi a una "college community" e a "connettersi con altri studenti". Chi acconsente è chiamato a selezionare l'università e l'anno in cui si laureerà, e può così accedere a una lista di compagni che hanno aderito alla stessa community.

LEGGI ANCHE: Facebook vuole dirci cosa abbiamo in comune con gli altri utenti

Apple dice addio al 3D Touch

I nuovi iPhone, che dovrebbero essere svelati il 12 settembre, saranno sprovvisti del 3D Touch. Stando ad alcune indiscrezioni, infatti, Apple avrebbe deciso di mandare in pensione la tecnologia che permette allo schermo di riconoscere diversi livelli di intensità della pressione esercitata dalle dita. Il 3D Touch è stato lanciato dalla compagnia di Cupertino nel 2015, come una delle caratteristiche principali dell'iPhone 6s. E ora, a distanza di tre anni, Apple potrebbe fare dietrofront.

ninja

YouTube e il nostro "benessere digitale"

Dopo Apple e Facebook anche YouTube aiuta a capire quanto tempo si trascorre sulla piattaforma, introducendo uno strumento apposito che aiuta il "benessere digitale", così lo definisce la società. "Abbiamo introdotto nuovi strumenti che aiutano le persone a comprendere meglio il loro utilizzo tecnologico e a concentrarsi su ciò che conta di più e disconnettersi quando necessario. Il nostro obiettivo è fornire una migliore comprensione del tempo trascorso su YouTube", ha spiegato Brian Marquardt, Director of Product Management.

Controlla il tempo. Ogni utente può monitorare il tempo che si trascorre sulla piattaforma attraverso un profilo disponibile nel menu del proprio account: monitora quanto tempo è stato impiegato a guardare i video negli ultimi 7 giorni. E si può impostare anche un limite. Nell'ottica di controllare anche le notifiche, altra persecuzione digitale, si può disattivare suono e vibrazione dalle 22 alle 8.

LEGGI ANCHE: Anche Instagram ti dirà se passi troppo tempo sull’app

ninja

credits wallpaperswide.com

L'impegno green di Facebook

Facebook ridurrà le emissioni di CO2 del 75% e alimenterà tutte le attività solo con energie rinnovabili entro il 2020. La compagnia di Menlo Park ha annunciato il doppio impegno ambientalista in un post, in cui evidenzia di aver acquistato oltre 3 gigawatt di elettricità eolica e solare negli ultimi 5 anni, di cui 2,5 gigawatt negli ultimi 12 mesi. "Siamo orgogliosi dell'impatto che il nostro programma sulle rinnovabili sta avendo sulle comunità locali e in generale sul mercato", ha scritto la società citando le città di Prineville (Oregon), Los Lunas (New Mexico), Henrico (Virginia) e Lulea (Svezia). "Nel 2015 abbiamo fissato l'obiettivo di alimentare il 50% delle nostre strutture con le energie rinnovabili entro il 2018. Lo abbiamo raggiunto un anno prima, arrivando al 51% nel 2017".

Il jobs for veterans di Google

Google in campo in favore dei veterani dell'esercito per i quali si propone di trovare un impiego adeguato alle competenze. La società di Mountain View ha aggiornato il suo motore di ricerca con una sezione dedicata a chi ha terminato di servire le forze armate americane ed è in cerca di occupazione nel mondo civile.

Tutta l'energia del mining di Bitcoin

La pratica di produrre i Bitcoin, il mining, consuma più energia di uno stato come l'Ohio, e la richiesta di potenza di calcolo, e quindi di energia, è in continuo aumento. L'allarme è arrivato dall'audizione al senato Usa di un ricercatore dell'università di Princeton, secondo cui ormai l'1% dell'elettricità mondiale viene usata proprio a questo scopo. Secondo Arvind Narayanan, esperto di Computer Science, i tentativi in corso di rendere più verdi i bitcoin agendo ad esempio sulla fonte di elettricità usata sono trascurabili rispetto alle dimensioni del fenomeno.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY