Mobilità

Uber cerca un nuovo general manager per l’Italia

La società ha lanciato una call per un nuovo Head of Country, ruolo finora ricoperto da Carlo Tursi, che ha guidato la società in Italia dal 2014

Dopo le dimissioni (effettive da novembre) del general manager per l'Italia Carlo Tursi (l'uomo che guidato la società dal 2014, dopo le dimissioni di Benedetta Arese Lucini), Uber è alla ricerca di una nuova guida e ha aperto una call con una pagina dedicata dove verranno raccolte le candidature.  Tursi ha contribuito al lancio di UberEats in Italia e nel 2017 ha affrontato il blocco di UberBlack da parte del Tribunale di Roma, decisione poi ribaltata accogliendo il reclamo del colosso californiano.

LEGGI ANCHE: Uber: lascia anche Liane Hornsey, la donna che doveva cambiare tutto

uber

Head of Country ruolo fondamentale

"Stiamo cambiando il modo in cui la gente pensa al trasporto - fa sapere la società di San Francisco - non molto tempo fa eravamo solo un'app per richiedere auto nere premium in alcune aree metropolitane.  Il ruolo di Head of Country- si spiega - è fondamentale per sviluppare la presenza di Uber a Milano, a Roma e in tutta Italia per la nostra attività di ridesharing".

Oltre la crisi

Dopo oltre tre anni, Uber ha anche un nuovo un direttore finanziario: Nelson Chai. Il top manager ha saputo navigare attraverso la crisi del 2008, quando era direttore finanziario di Merrill Lynch, di cui spinse per la sua cessione a Bank of America per evitarne un collasso. Chai inizierà il suo incarico il 10 settembre prossimo alleggerendo il carico di lavoro dell’amministratore delegato Dara Khosrowshahi. Al nuovo CFO verrà dato il compito di traghettare Uber verso la borsa. Khosrowshahi aveva parlato di una IPO nella seconda metà del 2019. L’azienda ha una valutazione di 62 miliardi di dollari, ma è alle prese con problemi di diverso tipo.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy