Le notizie dell'Estate

Ninja Summer, giovedì 9 agosto 2018

Notizie in versione estiva da Slack, Snapchat, Tesla e da altre grandi aziende del Tech

slack ninja morning

Nuovo round da 400 milioni per Slack

Slack, l'app di messaggistica interna dedicata alla collaborazione tra colleghi sui luoghi di lavoro, sta raccogliendo un altro round di investimenti, anche in vista di una IPO che potrebbe essere pianificata per i prossimi anni. Secondo quanto riportato da TechCrunch, Slack avrebbe raccolto circa 400 milioni di dollari, che porterebbero così la valutazione dell'azienda a 7 miliardi, cioè 2 miliardi in più dell'ultima valutazione del settembre dello scorso anno. Sarebbe General Atlantic a guidare questo round, che conta molti altri sostenitori. Per Slack si tratterebbe del più grande round di investimento fino ad oggi e che servirebbe anche a confermare la posizione di leadership della società nel settore della messaggistica aziendale. Di recente gli utenti di Slack hanno superato gli 8 milioni al giorno e 3 milioni di loro pagano per il servizio.

LEGGI ANCHE: Ninja Summer, martedì 7 agosto 2018

snapchat ninja morning

Snapchat: in calo il numero di utenti

Gli utenti di Snapchat sono in diminuzione, da 3 milioni a 188 milioni nonostante un secondo trimestre buono. Sembra che la guerra delle Stories e dei contenuti effimeri, portata avanti soprattutto da Facebook e Instagram, abbia ufficialmente distrutto la popolarità del social, portandolo al suo primo calo in numero di utenti da sempre: nel secondo trimestre del 2018, gli utenti attivi giornalieri di Snapchat sono diminuiti dell'1,5%. Questo nonostante Snapchat abbia battuto le aspettative sugli utili, con 262,3 milioni di dollari di entrate e una perdita di soli 0,14 di dollaro ad azione. Snap, la società madre di Snapchat, avrà comunque una iniezione di nuovi fondi, grazie a un investimento di 250 milioni di dollari da parte del principe saudita Al-Waleed Talal, in cambio di una partecipazione del 2,3% nella società.

samsung

Samsung investe in AI

Samsung investirà 20 miliardi di dollari in AI, 5G e componenti per auto e prevede di assumere almeno mille ricercatori di intelligenza artificiale nei prossimi tre anni, secondo un report di CNBC. L'investimento è solo una piccola parte di un più ampio pool di 161 miliardi destinato alla ricerca di componenti e alle spese in conto capitale. La somma verrebbe principalmente utilizzata per esaminare una varietà di nuove tecnologie per supportare componenti di costruzione per auto del futuro, uso nell'industria farmaceutica e altri casi d'uso come l'intelligenza artificiale e le capacità mobile del 5G. Samsung ha affermato che nel corso dei prossimi tre anni verranno creati 40.000 posti di lavoro e mille di queste posizioni sarebbero destinate a ricercatori dell'AI nei centri Samsung di tutto il mondo.
L'annuncio arriva dopo che Samsung ha pubblicato il suo report sul secondo trimestre, registrando una crescita più lenta rispetto allo scorso anno, dovuta secondo la società a un minor numero di vendite di smartphone.

elon-musk2

La SEC vuole spiegazioni da Elon Musk

La SEC vuole che Tesla spieghi il tweet di Elon Musk sulla possibilità di riacquistare le azioni per 420 dollari ad azione. Il tweet infatti ha fatto salire il titolo dell'11%, causando uno stop alle negoziazioni per una parte della giornata. Ora la Securities and Exchange Commission (l'ente di vigilanza della Borsa americana) sta esaminando la questione, per scoprire se il tweet di Musk fosse veritiero e sul motivo di annunciare una simile mossa su Twitter invece che attraverso un deposito regolamentare. Musk potrebbe essere considerato legalmente responsabile se la commissione stabilirà che ha intenzionalmente cercato di aumentare il prezzo delle azioni con il suo tweet.
Dopo il tweet di ieri mattina, Musk ha spiegato in una lettera ai dipendenti che ricomprare tutte le azioni è "la migliore strada da seguire" in quanto proteggerebbe la società da "oscillazioni selvagge nel prezzo delle azioni che possono essere una grande distrazione", alleggerendo la pressione dai cicli di utili trimestrali che non sono necessariamente nel migliore interesse a lungo termine dell'azienda.
Il tweet è apparso poco dopo la notizia che un fondo sovrano dell'Arabia Saudita aveva acquistato una quota di 2 miliardi di dollari in Tesla.

LEGGI ANCHE: Elon Musk vuole ricomprare le azioni di Tesla, lo ha detto su Twitter

robin-li-google3

Il CEO di Baidu dichiara guerra a Google

Il CEO Baidu ha dichiarato che è pronto a sconfiggere Google, se l'azienda tornerà in Cina con le sue app censurate. Robin Li, Amministratore Delegato del motore di ricerca più utilizzato in Cina, ha scritto sul suo account di WeChat che, se "Google decide di tornare in Cina, siamo molto fiduciosi di poter vincere di nuovo".  Entrambe le società offrono servizi come motori di ricerca, cloud e sviluppano l'intelligenza artificiale da utilizzare all'interno dei loro prodotti. Sviluppano anche prodotti hardware, ma la ricerca è il settore di maggiore sovrapposizione.
Li ha scritto che le società tecnologiche cinesi sono diventate ancora più potenti da quando Google ha lasciato la Cina nel 2010 e che ora il mondo intero sta copiando dalla Cina.
Dopo che Google ha lasciato il Paese, Baidu ha assorbito la sua quota di mercato per un totale di oltre il 70% del mercato cinese.
Gli utenti di Internet, che commentano su Weibo, però sembrano preferire Google rispetto a Baidu.
Quando la notizia che Google stava pensando di tornare in Cina è apparsa sulle testate mondiali, il prezzo delle azioni di Baidu è sceso del 7,7% e continua con una tendenza al ribasso.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY