Consigli

Come creare una strategia di Content Marketing in lingua straniera

5 punti fondamentali per un'efficace strategia di content marketing in lingua straniera

Chiara Sgarbi 

PR&Social Media

Creare una buona strategia di Content Marketing per il proprio mercato è un lavoro impegnativo che richiede analisi accurate e una sensibilità spiccata. E per i Paesi stranieri? Le potenzialità dei mercati sono immense ma possono essere sbloccate solo da una chiave: parlare la stessa lingua. Siete pronti a portare il vostro Content Marketing al livello successivo?

I 5 punti fondamentali per una strategia di Content Marketing in lingua straniera

Il web è una Babele dei nostri tempi. Quante e quali lingue dominano Internet? In che percentuale?

Come creare la strategia di content marketing in lingua straniera

Non basta un vocabolario per parlare una lingua, tantomeno per comunicare efficacemente. Serve una visione d'insieme che tenga in considerazione anche la cultura, le abitudini e le tradizioni. Da dove iniziare?

Ecco i 5 punti fondamentali da seguire per avere successo nella comunicazione in lingua straniera:

  1. Analizzare il target
  2. Prendere in considerazione le differenze culturali
  3. Mantenere il messaggio semplice
  4. Determinare i canali per veicolare il contenuto
  5. Porsi obiettivi per misurare il successo

Come creare la strategia di content marketing in lingua straniera 2

Vediamoli uno ad uno.

Conoscere il target

Per prima cosa serve capire a chi ci stiamo rivolgendo e il modo migliore da farlo è creare le buyer personas. Il passo successivo è creare empatia: come? Uno strumento utile è la mappa dell'empatia del cliente. Vendite, assistenza clienti e altri dipartimenti possono essere molto utili per capire il sentiment del tuo target. Serve capire come ragionano, cosa pensano e che schemi mentali usano i destinatari della comunicazione.

Via gli stereotipi

I simboli, i colori che siamo abituati ad associare ad un significato, non funzionano allo stesso modo in tutto il mondo. Un esempio per tutti: il bianco, in Europa considerato sinonimo di purezza, è il colore del lutto in Oriente. Serve quindi fare tabula rasa dei nostri schemi, per adottare quelli del nostro target. Si può iniziare da un ascolto attivo dei social media locali e  da una necessaria analisi della regione. All'interno del team è fondamentale un copywriter bilingue e soprattutto una risorsa esperta della cultura capace di controllare la comunicazione per evitare scivoloni.

LEGGI ANCHE: Studiare le Buyer Personas per un progetto di SEO e Social Media

Semplicità prima di tutto

Siete accorsi con l'estintore per spegnere le fiamme avvampate tra il Brand Manager, che preme perché il messaggio sia coerente e il Copywriter, che difende l'impossibilità della sua lingua ad adattarsi a quella specifica forma? La soluzione per risparmiare tempo e nervi è la semplicità.

A questo punto stiamo già dando per assodato che per una buona comunicazione in una lingua straniera serva un madrelingua, il passo successivo è quello di usare un linguaggio coerente con il brand, lasciare spazio per adattamenti della lingua (non tutti gli idiomi hanno la brevità dell'inglese) e creare corrispondenza tra il tono della comunicazione e quello usato dalle buyer personas.

Definire i canali

Creato il contenuto, è il momento di veicolarlo. I canali per farlo sono 4: condivisi (come i Social Media), a pagamento (Display, Nativa ads, SM...), di proprietà (homepage, newsletter...) e guadagnati (come ad esempio le menzioni degli influencer). Serve mantenere equilibrio tra i canali e non esporsi mai troppo su uno solo. Attenzione: i social media usati dal target possono differire molto da quelli a cui siamo abituati.

KPI chiari

Ogni strategia deve avere obiettivi misurabili. Di conseguenza, è importante definire i KPI da monitorare e i risultati da ottenere. Aumentare le vendite, irrobustire la brand awareness, far crescere il traffico sul sito sono tra quelli più comuni ma ogni business ha i suoi specifici.

content marketing seo optimization online blog internet

In conclusione, per sfruttare appieno il potenziale dei mercati esteri serve approcciarsi con empatia e andare oltre la semplice traduzione, creando una strategia di Content Marketing ad hoc per quel Paese e quella cultura. Il vero successo si basa sulla capacità di adattare la comunicazione al target. Un esempio evoluto è N26 (la nuova banca in versione app): la lingua della app non è definita in base alla localizzazione ma in base alla nazionalità. Questo dimostra una grande flessibilità e abilità di definire le buyer personas e agire di conseguenza.

Non basta un vocabolario per parlare una lingua, tantomeno per comunicare efficacemente. Serve una visione d'insieme che tenga in considerazione anche la cultura, le abitudini e le tradizioni.

Scritto da

Chiara Sgarbi 

PR&Social Media

Classe 1990, emiliana purosangue: nebbia fighter e tortellini maker. Tra Verona, Des Moines, Parma e Milano mi sono appassionata al marketing e ai suoi affascinanti volti e so… continua

Condividi questo articolo


Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY