Fact checking

Caso Soundreef. SIAE dice che non c’entra, ma per sbaglio (forse) ci dà una prova

Abbiamo fatto un secondo fact checking. È certo che ci sia un dominio SIAE dietro il blog di hater di Soundreef, e indirettamente lo abbiamo scoperto anche grazie a loro

Vi abbiamo parlato la scorsa settimana delle strane corrispondenze tra gli account Twitter che alimentano attacchi contro Soundreef, il blog D'Anews e un indirizzo email riconducibile a SIAE. Abbiamo fatto un secondo fact checking, per chiarire meglio alcuni aspetti, oltre che ovviamente chiedere conto alla Società Italiana degli Autori ed Editori su tutto quello che abbiamo verificato.

Punto 1 / La relazione tra D'Anews e SIAE

Partiamo dal dato più importante, la relazione tra il blog D'Anews e SIAE.

Partendo dal dubbio di alcuni utenti sul fatto che il nostro screenshot, effettuato eseguendo la procedura di recupero password, non contenesse alcun simbolo @ e quindi non si trattasse di un indirizzo email collegato a SIAE, abbiamo svolto le nostre ulteriori verifiche.

Anche nella nostra registrazione di un account con un indirizzo legato al sito al sito ninjamarketing.it, non compare nessun @. Eppure quello è proprio il nostro indirizzo email di riferimento.

blogger

blogger ninja 2

Ci sono uno o più mandatari SIAE dietro gli account anonimi

Per una ulteriore verifica abbiamo contattato al telefono direttamente l'ufficio stampa di SIAE, chiedendo una dichiarazione. siamo stati quindi ricontattatati dopo poche ore dal Direttore Marketing e Comunicazione di SIAE, Mario Andrea Ettorre, e abbiamo così appreso un elemento in più. Durante la nostra chiacchierata telefonica lui stesso ha ammesso che, sebbene non si tratti di persone direttamente collegabili agli uffici centrali SIAE, o meglio nessun dipendente dell'Ufficio Comunicazione, l'indirizzo che vi abbiamo mostrato potrebbe essere quello di un mandatario SIAE, appassionato dei temi legati al suo lavoro, che ha pensato di proporli online tramite un blog e tramite Twitter. Ad ogni modo, tiene a specificare il manager e già dirigente del Ministero dei Beni Culturali: «Non abbiamo alcuna relazione. Dietro i tweet non ci sono account fake ma persone».

Persone, appunto. E indirettamente abbiamo avuto una conferma: l'indirizzo email di uno dei gestori del sito D'Anews potrebbe terminare senza margine di errore con @mandatarie.siae.it, così come terminano gli indirizzi email di sedi locali dell'ente.

mandatarie-siae

Il mandatario non è dunque un diretto dipendente SIAE, ma da questa riceve mandato, appunto, consentendo all'azienda di avere quel controllo capillare del territorio, che le permette di essere oggi il primo soggetto in Italia per la raccolta dei diritti d'autore. In buona sostanza, il mandatario rappresenta la società sul territorio, garantendo i propri profitti grazie "alla provvigione sui contratti di licenza perfezionati dagli utilizzatori e ad un compenso sullo svolgimento dei servizi che SIAE effettua in convenzione per alcuni enti pubblici".

Nell'avviso di selezione per aspiranti mandatari presente sul sito SIAE si legge: "A seguito di sottoscrizione di specifico contratto di mandato, che comunque presuppone la ricorrenza dell’elemento fiduciario, nell’ambito del territorio assegnato e con autonomia di mezzi ed organizzativa il mandatario svolge attività di sportello per la clientela e l’utenza Siae, nonché di vigilanza e controllo nei settori dello spettacolo, dell’intrattenimento ed in altri oggetto di attività che la SIAE svolge in regime di convenzione per conto di Enti pubblici e privati. Il mandatario è un lavoratore autonomo, munito di partita IVA, che opera in forza di un contratto di mandato ai sensi dell’art 1704 del C.C. (mandato con rappresentanza) ed è tenuto ad attenersi ad un rapporto di esclusività con la SIAE. La remunerazione, omnicomprensiva di tutte le spese sostenute per l’esercizio del mandato, è costituita da provvigioni sugli incassi e da compensi per gli altri servizi conferiti dalla SIAE".

LEGGI ANCHE: Quanto vale il mercato dei diritti d’autore conteso da SIAE e Soundreef

Lavorano per conto della SIAE ma non devono rendere conto

Nessun segreto dunque, ma neanche nessuna volontà di indagare oltre da parte della Società, sembra. Anche perché non si tratta di un caso imbarazzante come quello del mandatario di Stradella, che lo scorso dicembre costrinse SIAE a dissociarsi dall'annuncio sessista che recitava: "Cercasi impiegata di bella presenza per tirocinio garanzia giovani agenzia mandataria Siae Stradella. Durata 6 mesi più proroghe, part time 20 ore settimanali, retribuzione 400 euro mensili. La tirocinante si occuperà di mansioni di front office allo sportello di contatto con il pubblico".

Stavolta, invece, si tratterebbe di persone che portano avanti le proprie passioni e lo fanno difendendo le ragioni di SIAE contro Soundreef, o meglio contro Lea.

«La strategia di SIAE - sottolinea Ettorre - è cominciare a non rispondere più a Soundreef, o meglio a Lea, ma proporre un'inversione di strategia comunicativa come successo ad esempio con casa SIAE a Sanremo».

Punto 2 / Perché non abbiamo divulgato il nome dell nostro contatto

E fin qui, la posizione di SIAE. Ora veniamo alle ultime accuse rivolte, invece, a Ninja Marketing, per non aver divulgato la fonte di Soundreef da cui abbiamo ricevuto le segnalazioni che hanno dato il via alla nostra inchiesta.

I nostri articoli, come normale in una redazione, passano attraverso diverse mani di revisioni e, in ultimo, del direttore e possono subire modifiche e cambiamenti. Nell'ultima versione dell'articolo è stato quindi eliminato il riferimento diretto al contatto di Soundreef che ci aveva inviato la segnalazione, pur lasciando in chiaro che la fonte fosse proprio l'ex startup.

Ora, l'accusa rivolta, ancora una volta da D'Anews attraverso l'account Twitter, è stata di aver voluto coprire il rapporto diretto tra il nostro contatto Federico Camici (Communication & Social Media Manager di Soundreef) e Lea, di cui è tra i soci fondatori. Perché lo avevamo rimosso? Perché era comunque irrilevante, nel momento in cui, comunque, abbiamo più volte specificato che la nostra fonte fosse interna a Soundreef.

Se è ovvio che Soundreef o Lea avessero interesse a far emergere questa vicenda, è altrettanto ovvio che una redazione possa vedere in quella stessa vicenda una storia che trova spazio per essere raccontata. Senza accanimento e lasciando sempre il beneficio del dubbio laddove non possono esserci conferme ufficiali, abbiamo cercato di raccontare questa storia in modo equilibrato.

LEGGI ANCHE: Perché il vero problema della SIAE non sono i fake dei dipendenti né Soundreef

danews ultimo

E intanto...

Un'ultima strana coincidenza quella tra gli screenshot da noi ricevuti su WhatsApp (che decidiamo di non mostrarvi perché non ne abbiamo avuto autorizzazione) direttamente dal Direttore Marketing di SIAE e gli stessi screenshot pubblicati proprio da D'Anews. Se un contatto diretto non esiste, come dice, si può almeno affermare con certezza che entrambi condividono le loro fonti.

Ad ogni modo (a titolo di cronaca) siamo in contatto anche con il blog D'Anews, a cui rivolgeremo alcune domande.

To be continued...

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy