#MeToo

La pubblicità sessista sparirà dalle strade di Stoccolma

Seguendo la scia della campagna #MeToo lanciata sui social e l'esempio di Berlino e Parigi, anche la Svezia sceglie di eliminare dalle strade gli stereotipi culturali e di genere

Maria Vittoria Tinti 

Vice Editor Business Marketing @ NinjaMarketing

Il vento sta cambiando. Dopo le campagna #MeToo e le numerosi dichiarazioni da parte di tutte le donne da ogni parte del mondo, famose e non, anche le città europee iniziano ad educare i loro cittadini, di oggi e di domani, prendendo una posizione ferma riguardo alla pubblicità razzista e sessista che oggi svolge ancora un ruolo importante nella creazione di stereotipi culturali e di genere.

La prima città è stata Berlino, in cui un intero quartiere si è ribellato alla mercificazione del corpo femminile e ha vietato affissioni discriminanti in un intero quartiere; oggi anche la modernissima Svezia si muove nella graduale eliminazione di ogni advertising che possa in qualche modo aiutare e suggerire comportamenti non corretti nei confronti delle donne o di persone di origine differente da quella svedese.

Offline come sui social, insomma, si chiede oggi una maggiore attenzione a qualsiasi messaggio offensivo.

La pubblicita razzista e sessista sparira' dalle strade di Stoccolma

Questa scelta rappresenta un inizio molto importante per la nostra società: i brand sono stati spesso abituati a classificare i loro prodotti come belli e premium, se associati ad un'immagine provocante, che spesso non ha nulla a che vedere con il prodotto stesso.

Il motivo di queste scelte è da ricercarsi nella cultura e nella storia dell'advertising, iniziata già nel lontano Ottocento.

Donna e pubblicità

La pubblicita razzista e sessista sparira' dalle strade di Stoccolma

Nei primi annunci stampa la figura della donna non aveva un'accezione negativa: era considerata la portatrice per eccellenza di innovazione e cambiamento. Con il graduale evolversi della società e l'affermarsi dell'uomo come simbolo di potere e forza, anche la figura femminile ha subito un mutamento nel corso del tempo, ricoprendo dei ruoli a seconda dell'epoca. Negli anni '50 il ruolo della donna era associato a quello di regina della casa, negli anni '70, in apparente antitesi con le lotte per l'emancipazione (anche sessuale), divenne simbolo di sensualità e oggetto di desiderio.

LEGGI ANCHE: Cosa c’è dietro il cyberbullismo (e come stanare gli haters)

La pubblicita razzista e sessista sparira' dalle strade di Stoccolma

Restrizioni e comunicazione: quando non si parla di limiti ma di opportunità

La decisione presa da Stoccolma rappresenta una nuova era per i brand e non solo; il messaggio è forte e chiaro. La figura femminile non scomparirà dalla nostra cultura e continuerà ad avere un  ruolo fondamentale e di rilievo nella comunicazione.

I tempi cambiano e, come sappiamo, cambia anche la percezione: per questo motivo un buon creativo dovrà necessariamente imparare a tenere in considerazione anche queste nuove leggi, da non interpretare come un vincolo, ma come una nuova opportunità.

Ciò che sta infatti offrendo la Svezia rappresenta una nuova idea, una nuova visione e non una costrizione per i brand. Di certo la presenza della donna rispettosa, di ogni origine e cultura e non solo occidentale, associata a ruoli erroneamente interpretati come esclusivamente maschili, potrà essere un'interessante strategia anche a livello marketing, catturando una parte di consumatori sensibili a queste tematiche. Una parte di mercato ancora inesplorata, ma dal grande potenziale.

«Spogliarsi dei preconcetti. Anche questo è un bel modo di mettersi a nudo».

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY