Facebook

5 buone ragioni per utilizzare Facebook Messenger per il tuo business

Kemal El Moujahid, product manager di Facebook Messenger, ci spiega come utilizzare la messaggistica istantanea per il business

Martina Masullo 

Social dreamer

Cosa c'entrano le aziende con le applicazioni di messaggistica e in che modo tali applicazioni potrebbero essere utili al tuo brand?

Le risposte sono moltissime: quel che è certo, è che presto implementare stategie dove le applicazioni di messaggistica recitino un ruolo fondamentale diventerà uno stato di necessità. Anche per questo Facebook ha lanciato Messenger, che con il suo miliardo e più di utenti ha certamente da offrire moltissime soluzioni.

Nonostante ciò, il supporto di Messenger alle aziende non è ancora decollato: molti brand non sono ancora sicuri del fatto che una piattaforma di comunicazione così intima e diretta, che investe il campo delle relazioni personali, possa davvero servire al proprio business.

Per questo, il product manager di Facebook Messenger, Kemal El Moujahid, ha recentemente pubblicato un post sul blog aziendale - ripreso anche su VentureBeat - per delineare alcuni tra i principali vantaggi dell'utilizzare Messenger come piattaforma di business.

Messenger

Il mondo intero è messaggistica

La prima osservazione di Moujahid riguarda il fatto che l’utilizzo della messaggistica è in aumento, sempre più persone spendono molto del proprio tempo all'interno di applicazioni di messaggistica.

"Secondo Flurry Analytics – ha sottolineato Moujahid -  il tempo speso sui social media e, in particolare, su app di messaggistica è aumentato di un incredibile 400% rispetto allo scorso anno. Le aziende stanno iniziando a capire che hanno bisogno di comunicare con gli utenti nei luoghi che essi frequentano e che la chat offre un'esperienza superiore: l’email viene considerata spam, l’SMS è molto limitato e le telefonate richiedono un' attenzione assoluta e completa".

Uno studio condotto da Pew Research nel 2015, inoltre, ha rilevato che la messaggistica è l'opzione di comunicazione dominante tra gli adolescenti. Una ragione della crescita di utilizzo di questo sistema di comunicazione potrebbe essere l'aumento di comunicazione pubblicitaria sui social media "classici".

messenger

Anche in virtù di questo, i brand devono essere presenti dove i clienti sono più attivi e anticipare le "grandi migrazioni": una piattaforma di messaggistica come Messenger, in funzione di tale logica, rappresenta proprio il luogo adatto per approfittare di questo trend.

Il Messaging è molto di più di un semplice canale di comunicazione

Moujahid sostiene che Messenger stia diventando un’opzione sempre più avanzata. Funzionalità che rendono le esperienze attraverso le app di messaggistica molto più complete: interfacce complesse, possibilità di effettuare pagamenti e condivisione della propria posizione sono tutte azioni che Messenger permette.

Facebook in questo senso sta cercando di sottolineare come non solo tutto questo sia cool ma, soprattutto, quanto questi strumenti siano essenziali per gli utenti, e come possano migliorare la vita quotidiana.

Sistemi di messaggistica privi di attrito

"Per raggiungere il pubblico attraverso un’app mobile – ha detto Moujahid - è necessario costruire l'applicazione per più sistemi operativi e renderla disponibile sull’app store. Quindi, bisogna aiutare il pubblico a trovarla, a scaricarla e ad accedervi. Queste operazioni creano molto attrito”.

In altre parole, mettere un'app a disposizione degli utenti e far sì che essi la scelgano tra le tante altre disponibili è un'operazione davvero complessa.

messenger

 

Un rapporto di Forrester Research del 2015 ha rilevato, infatti, che i consumatori spendono l'85% del loro tempo su applicazioni tramite smartphone ma solo cinque di esse, in media, vengono utilizzate regolarmente.

Naturalmente, si sta cercando di semplificare il processo, trascinando questo tipo di esperienza all'esterno e costruendo una sorta di "territorio franco" dove fruire di tali app. Facebook potrebbe cambiare le regole in qualsiasi momento, limitando gli sforzi degli utenti.

Convincere gli utenti ad utilizzare un'app può essere difficile, ma se si permette loro di vivere la stessa esperienza sulla piattaforma che sono abituati ad utilizzare senza obbligarli ad uscire, ecco che il tutto diviene molto più efficace.

Messenger e l'introduzione di nuovi sistemi di comprensione

Nel suo recente manifesto di 6.000 parole, il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, ha sottolineato come i sistemi di intelligenza artificiale messi a punto dal suo team siano in continuo miglioramento. Zuckerberg, in particolare, ha fatto riferimento alla capacità del loro sistema automatico di segnalare contenuti discutibili per la revisione.

messenger

Come Google ha integrato la tecnologia di Google Assistant nella sua nuova applicazione di messaggistica, Allo, anche Facebook potrebbe introdurre all'interno di Messenger un nuovo sistema di comprensione per migliorare l’esperienza degli utenti.

messenger

Potrebbe essere utile ed efficace, a tal proposito, inserire un assistente virtuale sempre presente all'interno dell’app di messaggistica, pronto a dare una mano all'utente, in qualunque momento.

Non solo Messaging: in che modo gli utenti utilizzano le app di messaggistica?

L'ultima osservazione di Moujahid riguarda il fatto che il cammino delle aziende verso il mondo della messaggistica è già in atto e sta dando vita ad una rapida evoluzione di questo tipo di marketing.

"Esperienze di messaggistica corrono sopra lo strato operativo mobile. E in luoghi come la Cina già il 40% degli utenti WeChat è in contatto con diverse aziende ogni giorno (fonte: Qi'eZhiku 2016). "

Non sorprende vedere WeChat menzionato qui: 570 milioni di persone ogni giorno, infatti, effettuano il login per WeChat - non solo per chattare con gli amici, ma anche per altre attività, come la prenotazione di taxi, il check-in per i voli, i giochi, l'acquisto di biglietti per il cinema, la gestione dei conti, la prenotazione di visite mediche e le donazioni ad enti di beneficenza.

messenger

Facebook, proprio questa settimana, ha annunciato una nuova partnership di pagamenti tramite app con la società di trasferimento fondi internazionali, TransferWise.

"La società Rogers Wireless  – ha concluso Moujahid - ha visto un aumento della customer satisfaction del 65% dopo l'integrazione in Messenger. L'esecuzione del servizio clienti sulla piattaforma di messaggistica permette di comunicare con il cliente in un ambiente familiare e ricco di spunti, preservando il contesto".

In conclusione, è possibile sostenere che, se usata bene, la messaggistica è, indubbiamente, in grado di migliorare l'esperienza di ognuno. Non si tratta di come si possa vendere di più via Messenger, ma di come si possa usare questa piattaforma per fornire una migliore e più snella user experience in un luogo già familiare agli utenti.

messenger
Insomma, i punti chiave delineati da Moujahid sono validi per comprendere quanto sia conveniente per un’azienda utilizzare Messenger per il proprio business. Un’applicazione in crescita continua e un aumento delle percentuali di utilizzo della stessa rappresentano indicatori importanti per decidere di includere all'interno della propria social media strategy un’esperienza su un’app di messaggistica.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?

Scritto da

Martina Masullo 

Social dreamer

Ho 23 anni e sono laureanda in Corporate Communication and Media all'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista e social media editor, ho coniugato due delle … continua

Condividi questo articolo


Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY