Week in Social

Week in Social: da LinkedIn Salary alle reazioni all’Election Day

La rubrica con tutte le novità social della settimana per rimanere sempre aggiornati

Facebook Ads: da 0 a Ninja - Scopri le cose da fare subito per migliorare le tue campagne, iscriviti alla Free Masterclass Ninja Academy.

Non poteva che essere altrimenti, una settimana a stelle e strisce anche e soprattutto sui social. Non è di certo passata inosservata la vittoria (anche sui social) di Donald Trump, prossimo presidente degli Stati Uniti. Tra sostenitori, critici, euforici e scettici la battaglia a colpi di voti ha infiammato anche le urne virtuali. Tra duelli politici, nuovi aggiornamenti e novità inaspettate si conclude un’altra intensa settimana social. È venerdì, è Week in Social. Ma andiamo con ordine.

LEGGI ANCHE: #NinjaUSA2016: Twitter sbanca l’election day

Twitter e la lunga #ElectionNight

Dopo la crisi, tutt’ora in corso, che vede scomparire giorno dopo giorno papabili acquirenti, Twitter sembra rinato, almeno temporaneamente, grazie all’incredibile scossone dell’election day. Nella giornata del voto, e fino all’annuncio della vittoria di Trump, sono stati circa 75 milioni i tweet condivisi a livello globale su tema elezioni USA. Un vero e proprio record considerando che nel 2012 l’election day aveva totalizzato appena 31 milioni di tweet. The American dream così potremmo definire il successo del microblog per eccellenza.

Piccola spazio curiosità. Il tweet più condiviso di tutta la campagna elettorale è stato quello di Hillary Clinton che a giugno invitava Trump a cancellare il suo account sul microblog.

Ma forse questo successo non sarà bastato a risollevare le sorti sempre più in bilico del social del cinguettio. Dopo la sofferta chiusura di Vine e un taglio deciso sul personale è notizia di qualche giorno anche l’abbandono da parte del Chief Operating Officer Adam Bain, che da gennaio ricopriva la carica di vicepresidente. A sostituirlo, ha annunciato Twitter, è Anthony Noto, Chief Financial Officer.

Instagram potenzia le sue social Stories

week in social Volano sempre più in alto le Stories di Instagram. Apprezzatissime dagli utenti, da qualche giorno l’esperienza sul social network delle immagini è ancora più divertente grazie all’introduzione di due nuove strumenti: Boomerang e le menzioni. Niente di nuovo, sono entrambi tool ampiamente utilizzati. La novità sta proprio nella possibilità di utilizzarli anche nelle storie temporanee, che diventano così più divertenti e coinvolgenti. Ma non è tutto. È partito il roll out per la funzione “Scopri di più” in fondo alle Stories. Si tratta di un test che consente agli account verificati di aggiungere link per scoprire di più. Insomma, Instagram non si ferma mai.

Facebook e l’elezione di Trump

Non si sono fatte attendere le prime impression di Mark Zuckerberg sul futuro politico degli Stati Uniti. Con toni velati e indiretti, il papà di Facebook in un post, in cui evita di nominare il presidente eletto, invita gli americani a "lavorare ancora più duramente" per un mondo migliore. Il fondatore di Facebook ha postato una foto che lo ritrae mentre segue l'esito delle votazioni in tv insieme alla figlioletta.   Dopo la parentesi patriottica Facebook torna a lavoro su nuovi progetti. Nasce una nuova applicazione ispirata a Snapchat. Secondo quanto riporta il sito Recode la nuova applicazione si chiama Flash ed è una piattaforma per inviare e ricevere messaggi con video e foto che si cancellano dopo un tempo determinato, condite con filtri e animazioni. Il lancio è avvenuto in Brasile con la versione per Android. Ma le novità non finiscono qui. Da oggi tutti gli inserzionisti potranno raggiungere il proprio target sul News Feed e poi indirizzarlo su Messenger. Avete capito bene.

LinkedIn calcola gli stipendi

LinkedIn lancia il nuovo servizio Salary, una sorta di calcolatore di quanto dovremmo guadagnare. Attraverso questo innovativo servizio gli iscritti anonimamente possono inserire i dati del proprio stipendio e sapere quanto la propria posizione lavorativa viene retribuita ad esempio in altre città o altri Paesi. Lo avete già provato? LEGGI ANCHE: Lo stipendio non è più un tabù: ora LinkedIn ti dice quanto dovresti guadagnare week in social In conclusione di questa intensa settimana social non potevamo che concludere con alcune notizie di colore. Come vi sentireste se la vostra vita girasse esclusivamente intorno alla vostra reputazione social e il vostro percorso privato e professionale fosse influenzato h24 dal giudizio di amici e sconosciuti? È la storia raccontata in Nosedive, primo episodio della terza stagione di Black Mirror, la celebre serie inglese creata da Charlie Brooker. Se nei vostri newsfeed di Facebook vi siete imbattuti in strani giudizi social associati ai profili dei vostri amici virtuali non allarmatevi. Netflix, con un ottima strategia di marketing propone Rate Me, un’app che permette alle persone di conoscere il proprio “voto social” proprio come accade nell’episodio surreale di Black Mirror. Sempre dal profilo social di Black Mirror il tweet sulle elezione USA che ha spopolato sul web. Voi lo avete capito?

Per questa settimana è tutto: buon social-weekend!

Mark Zuckerberg in un post, in cui evita di nominare il presidente eletto, invita gli americani a "lavorare ancora più duramente" per un mondo migliore. Il fondatore di Facebook ha postato una foto che lo ritrae mentre segue l'esito delle votazioni in tv insieme alla figlioletta.

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY