Sai quale è stato il primo meme di internet?

meme internet

Un po’ come il classico quesito “è nato prima l’uovo o la gallina?”, è piuttosto complicato rispondere alla domanda “quale è stato il primo meme di internet?”. Dopo aver scandagliato la rete alla ricerca della risposta - ed aver fatto un bel viaggio nella memoria - riteniamo di averlo trovato: allora, siete curiosi di sapere anche voi quale è stato il primo meme del web?

Ma prima di tutto… Cosa è un meme?

Non odiateci, ma prima di darvi la risposta vogliamo rendere chiaro di cosa stiamo parlando quando usiamo il termine “meme”. La parola “meme” deriva dal greco mímēma, imitazione, e indica un’informazione riconoscibile dall’intelletto, appartenente alla cultura e replicabile; il primo utilizzo del termine si deve a Richard Dawkins, che nella sua ricerca del 1976 “The Selfish Gene” tentò di spiegare come un’informazione culturale riesca a propagarsi. Il meme inteso come fenomeno di internet è quindi un’immagine, un video, una frase o un concetto capace di diffondersi online in tempi rapidissimi, diventando celebre dentro e fuori dal web. La nascita di un meme di internet può avvenire in differenti circostanze: errori o figuracce immediatamente intercettati e divulgati, parodie, vignette… Potenzialmente, qualunque cosa potrebbe divenire il prossimo meme del web.

oogachaka baby meme

Oogachaka Baby: il primo vero meme di internet

I meme non sono una scienza esatta, e non è quindi possibile stabilire con precisione assoluta quale sia stato il primo meme del web. Ma possiamo affermare che il primo fenomeno di internet ad avere goduto di una vitalità tale da fare il giro del mondo e finire addirittura su Ally McBeal sia “Oogachaka Baby”, definito anche “Baby Cha Cha”. L’infante di pixel che danza vestito solo di un pannolino bianco e datato 1996 conobbe la celebrità sui forum e venne inserito su numerosi siti grazie al suo ballo ipnotico sulla base di "Hooked on a feeling" dei Blue Suede.

Tipatipatipatipa, tipatipitu… Ti ricorda qualcosa?

Stai canticchiando, e forse anche ballando. A metà anni ’90 i fenomeni danzerini erano davvero amati, e dopo “Dancing Baby” ecco che arriva nel 1997 “Hampster Dance”. Il gruppetto di criceti con la canzoncina orecchiabile ideati da Deidre LaCarte è frutto di una sfida di Deidre e sua sorella su chi potesse creare il sito con maggiori visite. Fun fact: il nome è volutamente scritto male (hampster e non hamster) perché il dominio hamsterdance.com risultava già occupato.

Altro meme in ambito “musicale” è il fenomeno del Rickrolling, che consisteva nel far apparire nel bel mezzo di un video la clip di “Never Gonna Give Up” di Rick Astley.Se ci si beccava il video, si era “rickrolled”.

cat-internet-meme

Gatti, Chuck Norris e The Rage

I gatti su internet funzionano da sempre, non è storia recente. Dai Lolcatz, inesauribili fonti di felicità nei momenti di sconforto, a Grumpy Cat fino ai video di gatti, il web è il regno dei felini ed i meme non fanno eccezione. Il più famoso Lolcat, “I can has cheezeburger?”, ideato dal blogger Erik Nakagawa è addirittura valutato 2 milioni di dollari.

Un’altro meme che resiste negli anni e la cui prolificità è potenzialmente infinita è Chuck Norris, o meglio le frasi dedicate allo stesso Norris ed alle sue doti apparentemente sovrumane: poste come iperbole, le frasi dei meme “Chuck Norris Facts” nascono in seguito ad alcune battute di Conan O’Brien durante il suo show, ed hanno goduto di un’ottima fama per numerosi anni.

The Rage è invece una serie di personaggi dal tratto semplice ed abbozzato, di tipo umoristico e che raccontano attraverso le proprie vignette fatti quotidiani e brevi storie. Il gruppo comprende Forever Alone, Cereal Guy, Rageguy, Trollface, Ok Guy, Fuck Yeah Guy, Y U No Guy e “Me Gusta” Guy. I testi di accompagnamento alle vignette sono molto semplici, e spesso utilizzano delle scelte linguistiche particolari (le al posto di the, ad esempio).

I meme di internet, come c’era da aspettarsi, sono pressoché infiniti possono essere generati in qualunque momento; noi vi abbiamo parlato dei più significativi e famosi.

Avete qualcosa da aggiungere a questa storia? Quali sono i vostri meme preferiti?

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY