I DM di gruppo su Twitter: come funzionano e quando usarli

Come vi avevamo accennato sono arrivati. I messaggi diretti di gruppo su Twitter sono ufficialmente disponibili per tutti gli utenti; abbiamo ricevuto una notifica che ci invitava a provare la funzione e le app sono state aggiornate. I DM di gruppo permettono di inviare messaggi diretti a più persone, dando vita ad una chat room in cui il limite dei messaggi è di 140 caratteri.

Oggi vogliamo analizzare insieme a voi come funzionano e a cosa può servire specificamente questa funzione. Scopriamo insieme come può arricchire la nostra esperienza su Twitter.

Come inviare un messaggio privato a un gruppo

Potete aprire una sessione di DM di gruppo andando nella Tab dei Messaggi e cliccando "Nuovo Messaggio"; adesso potete immettere più di un destinatario al messaggio. Potete anche avviarne una sessione a partire da un tweet che trovate sulla vostra bacheca. Vi basta cliccare sull'icona delle opzioni del tweet e selezionare "Condividi via Messaggio Diretto".

Nei messaggi diretti di gruppo potete condividere foto, testo, link, emoji e tweet.

Ogni membro del gruppo può aggiungere altre persone, anche se non tutti nella chat seguono l'ultimo aggiunto; il limite massimo è di 20 utenti per sessione. E si può dare un nome al gruppo, proprio come su Whatsapp e Facebook.

Condividere e commentare tweet

Uno degli utilizzi più semplici dei messaggi diretti di gruppo è la condivisione di contenuti trovati su Twitter. Immaginate la redazione di un giornale o un blog; attraverso questa funzione tutti i membri possono commentare una notizia appena uscita e organizzarsi per decidere chi può scriverne. Il tutto correlato da aggiornamenti in tempo reale e contribuzioni dei colleghi.

Allo stesso modo, tutti coloro che hanno un interesse in comune possono commentare le novità e chiacchierarne molto più agilmente che su un forum.

In entrambi i casi, non appena un membro del gruppo scopre una notizia rilevante, può inviarla istantaneamente agli altri senza dover aspettare che ognuno la legga in uno dei suoi tweet.

Migliori comunicazioni interne

Tutti quelli che fanno parte di una rete troveranno la nuova funzione particolarmente utile. Grazie all'immediatezza di questo mezzo, infatti, è facile e veloce dare istruzioni a più account in contemporanea. Prendete a esempio le aziende che offrono assistenza via Twitter, spesso si tratta di reti di profili secondari legati allo stesso brand, quindi ad un account principale. Grazie ai DM di gruppo sarà facile per i responsabili organizzare e dare tutte le indicazioni necessarie a coloro che gestiscono gli account secondari.

Utilizzi imprevisti

Molte persone stanno usando la nuova funzione in altre maniere, per le quali non è stata specificamente pensata. Per esempio, per via della possibilità di aggiungere alle chat persone non seguite dagli altri, sta nascendo la tendenza di coinvolgere le celebrità in queste conversazioni senza il loro consenso. Alcuni fan che hanno la fortuna di essere seguiti dai loro beniamini, hanno aperto queste conversazioni e hanno iniziato ad aggiungere altri amici, dando origine a situazioni spiacevoli. Molto probabilmente gli sviluppatori non avevano pensato che questa caratteristica dei DM di gruppo avrebbe scatenato questa tendenza, ma siamo sicuri che la correggeranno a breve.

Ecco il video pubblicato da Twitter per presentare la nuova funzione:

E voi, che ne pensate della possibilità di poter mandare messaggi diretti ad un gruppo di utenti? Questa funzione costituirà un valore aggiunto di Twitter o gli altri canali già esistenti ne limiteranno la diffusione?

Vuoi ancora più Ninja Power?

Accedi gratuitamente a Marketing News, Viral Tips & Tricks, Business & Life Hacks ed entra in una community di oltre 50.000 professionisti.

La tua privacy è al sicuro. Non facciamo spam.
Registrandoti confermi di accettare la privacy policy

Ninja Magazine è una testata registrata presso il Tribunale di Salerno n. 14/08 - P.IVA 04330590656.
© 2004 - 2018 Ninja Marketing Srl è un marchio registrato, tutti i diritti sono riservati
Puoi ripubblicare i contenuti citando e linkando la fonte nel rispetto della Licenza Creative Commons
PRIVACY POLICY, CONDIZIONI D’USO E COOKIE POLICY