Fashion

L’artista sarda La Fille Bertha firma una collezione in edizione limitata per iBlues

Una capsule collection elegante ed energica tra moda e street art

di Silvia Scardapane

Finalmente una ventata di freschezza arriva anche in italia con una collezione che entusiasmerà moltissime appassionate di moda, illustrazione e street art. Questa settimana infatti siamo molto contenti di presentarvi DREAMissimo, la nuova capsule collection firmata dall’artista nostrana La Fille Bertha per il marchio iBlues.

Chi è La Fille Bertha

La Fille Bertha, al secolo Alessandra Pulixi, è di origini sarde. Tra la rosa di artisti italiani impegnati nella diffusione dell’arte urbana gli esponenti provenienti dalla Sardegna occupano un ruolo decisamente rilevante nello scenario nazionale: non è un caso se proprio questa regione ha tanto da raccontare in merito alla storia e alla trasformazione del muralismo popolare.

Un murale de La Fille Bertha realizzato al Parco dei Murales di Napoli

Un murale de La Fille Bertha realizzato al Parco dei Murales di Napoli

I lavori de La Fille Bertha superano lo scenario identitario e si inseriscono con eleganza nel flusso delle attuali produzioni cercando, anzitutto nello stile fortemente riconoscibile, un legame con un mondo trascendentale. Col tempo i corpi femminili realizzati nelle illustrazioni dall’artista sono passati da uno stato di abbozzo ad una totale corporalità fatta anche di moda, accessori e colori.

La partnership con iBlues

Questi elementi sono il cuore pulsante della partnership: l’artista ha creato una contaminazione frutto naturale delle continue sperimentazioni che ha impiegato, anche in passato, con media e supporti sempre diversi.
La Fille Bertha per iBlues

La collezione DREAMissimo realizzata per iBlues rispecchia, infatti, tutta l’energia trasmessa dalla sua arte che viene magicamente classificata come in una vera Wunderkammer: le creazioni denominate Artificialia, Naturalia e Mirabilia nascono da una sintesi di simboli come serrature misteriose, occhi curiosi, animali fantastici e pattern colorati che si mescolano, senza un ordine apparente, con estrema armonia.

LEGGI ANCHE: Street art e moda, l’arte surreale di Natalia Rak per Medicine

“Tempo fa il brand mi ha contattata per propormi di essere l’artista a capo della collaborazione per lo special project/capsule collection d’artista. Ho subito accettato e mi sono incontrata con il team, nella loro sede. Il processo creativo è stato condiviso con dei designer, i quali mi tenevano sempre al corrente mostrandomi il work in progress. Mi sono poi costantemente confrontata anche con le visual, le quali hanno lavorato all’elaborazione e alla progettazione di quelle che sono le vetrine, specialmente in riferimento ai flagship stores di Milano e Parigi, dove ho tenuto due live drawing sessions, costruendo e disegnando live alcuni aspetti del sipario-vetrina: è stato bellissimo vedere in 3D ciò che avevo progettato su carta” – La Fille Bertha 

7226018902001-a-reverie

La collezione

Nel guardaroba fall/winter firmato La Fille Bertha troviamo gonne plissettate, camicie morbide, felpe con il colletto staccabile, spille, miniskirt e maxicardigan per giocare con proporzioni e accostamenti all’insegna della leggerezza e della femminilità. Forse nessun marchio poteva essere più adatto per questa unione: iBlues, parte del Gruppo Max Mara, è un brand accattivante che gioca da sempre con forme e colori con audacia ed eleganza. A tal proposito abbiamo chiesto a La Fille Bertha qual è il capo che rispecchia di più il suo stile

“La collezione è piuttosto ampia e devo dire che sono innamorata di tutti i capi, mi piace vedere come un mio disegno ha preso forma, anche attraverso un altro punto di vista divenendo un capo o un accessorio. Sicuramente amo molto gli abiti chemisier, ma anche i cardigan e le t-shirt… domanda troppo difficile a cui dare risposta!” – La Fille Bertha

La Fille Bertha per iBlues

Un connubio che incuriosisce non poco: si tratta, tra tutti i casi studio esaminati nel settore, della prima artista icona della street art italiana ad avere una collezione tutta per sé. Crediamo sempre che la libertà con cui un artista riesca ad esprimersi possa davvero creare, come in questo caso, collezioni che calzano a pennello!