Barriere

Solo Apple potrà aggiustare Apple, un software impedirà le riparazioni di terze parti

Il computer non sarà più utilizzabile fino a quando Apple Service Toolkit 2, il nome dello strumento diagnostico, verrà utilizzato da un membro autorizzato dello staff di servizi della società

Apple starebbe studiando un nuovo sistema per impedire che i suoi ultimi prodotti vengano riparati da assistenza di terze parti, quindi non autorizzata. I nuovi strumenti diagnostici per riparare i MacBook Pro e gli iMac Pros saranno necessari per intervenire sulle macchine che richiedono interventi.

Apple svela gli altri gioielli di nuova generazione: MacBook Pro, Mac Mini e iMac!

Se il terminale viene sottoposto a riparazione senza utilizzare questi strumenti aggiornati, il risultato sarà il malfunzionamento del sistema operativo che renderà la riparazione incompleta. Questo è quello che si legge in un documento distribuito ai fornitori dei servizi autorizzati Apple, il mese scorso. Una copia del documento è stata ottenuta da Motherboard e MacRumors, che hanno reso pubblici i contenuti del documento e le apparenti implicazioni sul settore delle riparazioni.

LEGGI ANCHE: Apple continua ad assumere medici e infermieri. E lo Watch 4…

Sembrerebbe che, senza il software proprietario dei sistemi diagnostici, i servizi di riparazione che non appartengono alla rete ufficiale Apple non saranno in grado di aggiustare alcuni danni a MacBook e iMac Pros: per esempio, entrambi subirebbero processi di blocco quando viene sostituita la memoria flash e lo stesso avviene con altri componenti. Il computer non sarà più utilizzabile fino a quando Apple Service Toolkit 2, il nome dello strumento diagnostico, verrà utilizzato un membro autorizzato dello staff di servizi della società.

Lisa-Simpson-iMac

Perché Apple ha introdotto i nuovi strumenti diagnostici

Le misure adottate da Apple riguardano soprattutto la tutela della sicurezza: se è vero che questi nuovi standard garantiranno ai centri assistenza autorizzati il 100% del mercato, i dispositivi elettronici come i personal computer oggi contengono moltissimi dati personali e porte di accesso alla nostra privacy. Sembra ragionevole pensare che i Mac debbano passare attraverso una diagnostica autorizzata Apple, in grado di rapportarsi anche a tali aspetti.

LEGGI ANCHE: Android story, da scommessa a vero (e unico) rivale del sistema operativo di Apple

I più critici sostengono che i produttori di elettronica stanno facendo di tutto per ostacolare la riparazione a discapito dell’acquisto sul nuovo e ritengono questa strategia un ulteriore modo per controllare più strettamente il mercato delle riparazioni incoraggiando l’acquisto di nuovi dispositivi. Apple ha combattuto strenuamente, insieme ad altri produttori di hardware, per impedire il passaggio della legge detta “sul diritto alla riparazione”, che costringerebbe le aziende a rendere disponibili parti e istruzioni per gli specialisti di riparazione di terze parti.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?