Mobility

VIDEO La moto BMW che si guida da sola: ecco la prova in pista

La prima moto driverless e in grado di muoversi autonomamente è stata presentata al BMW Motorrad Techday 2018 e ha fatto il suo primo giro in pista

BMW ha presentando in occasione del BMW Motorrad Techday 2018 una moto R 1200 GS capace di muoversi autonomamente. Nell’area test del gruppo BMW di Miramas, la moto ha fatto il suo primo giro. Sviluppato dall’ingegnere Stefan Hans e dal suo team, la 1200 GS presentata dalla casa di Monaco è in grado di guidare, riconoscere curve e ostacoli, e tenersi in equilibrio da sola.

BMW

Tecnologia sperimentale

BMW ha realizzato questo prototipo non pensando di iniziare a produrre una moto completamente indipendente, ma per sfruttare tale tecnologia di base per lo sviluppo di futuri sistemi tecnologici finalizzati a migliorare sempre di più la sicurezza dei motociclisti, senza intaccare il piacere di guida.

L’obiettivo di BMW

“L’obiettivo per lo sviluppo di questo prototipo – ha spiegato la casa tedesca – è quello di raccogliere ulteriori conoscenze sulle dinamiche di guida in moto al fine di rilevare immediatamente situazioni pericolose e quindi supportare il conducente con sistemi di sicurezza appropriati, ad esempio nella svolta ad un incrocio o durante una brusca frenata”. Nel corso dello stesso evento, BMW ha presentato altri progetti tecnologici interessanti: dalle luci che seguono la traiettoria del veicolo ai proiettori laser, passando dal telaio realizzato con un processo di stampa 3D fino alle componenti in carbonio (come quelle della HP4 Race), senza dimenticare lo studio legato alla connettività tra veicoli.