Consigli

Come utilizzare il marketing emozionale per creare annunci su Facebook

La neuroscienza afferma che circa il 95% del nostro processo decisionale di acquisto si svolge inconsciamente e viene influenzato da emozioni e istinto

Emanuele Loiacono
Emanuele Loiacono

Digital strategist & Social Media Manager @TBI Marketing

Facebook Ads: da 0 a Ninja – Scopri le cose da fare subito per migliorare le tue campagne, iscriviti alla Free Masterclass Ninja Academy.

Siamo ormai consapevoli del fatto che le persone non acquistano prodotti, ma versioni migliori di se stessi.

Mentre messaggi razionali ci inducono a prendere decisioni logiche, è invece il marketing emozionale che ci spinge all’azione.

Le emozioni influenzano le nostre decisioni, anche quelle relative all’acquisto e fissano indelebilmente nella nostra memoria situazioni, fatti, prodotti e brand.

Per questo è evidente la centralità del marketing emozionale e il motivo per cui sempre piu marketers si sono accorti degli inneschi emotivi che genera nelle loro campagne.

marketing emozionale

Che cos’è il marketing emozionale e perché può influenzare le vendite

La neuroscienza afferma che circa il 95% del nostro processo decisionale di acquisto si svolge inconsciamente e viene influenzato da emozioni e istinto.

Per questo creare anche sui social annunci pubblicitari che fanno appello alla logica piuttosto che alle emozioni molto spesso non porta ai risultati sperati. La logica non ha la capacità di catturare in maniera veloce ed istintiva il nostro interesse tanto da indurci a smettere di scrollare all’infinito il nostro feed di Facebook.

Tuttavia il marketing emozionale risulta essere molto più complesso di una semplice reazione emotiva per convincere le persone ad acquistare i nostri prodotti e servizi.

Nella quotidianità solitamente tendiamo ad acquistare da persone o siti web che amiamo, conosciamo o di cui ci fidiamo particolarmente. Per questo la fiducia gioca un ruolo di primaria importanza nel percorso che conduce un cliente a scoprire, conoscere ed acquistare un brand.

Attraverso l’utilizzo del marketing emozionale sarà quindi più semplice attirare nuovi clienti e creare con loro un rapporto di fiducia e fedeltà continuativa nel tempo.

Ma come il marketing emozionale può essere utilizzato per gli annunci su Facebook?

marketing emozionale 4

Creare riprove sociali

Se non avete ancora letto Le armi della persuasione di Robert Cialdini allora è il momento di farlo. Il principio delle riprove sociali può essere utilizzato in tantissimi modi differenti, ad esempio utilizzando le recensioni dei clienti all’interno degli annunci pubblicitari.

Questa tecnica si fonda sul criterio dell’utilizzo delle parole dei nostri clienti all’interno delle Ads, partendo dal presupposto che quelle parole sono perfette per raccontare un’esperienza vissuta o un’emozione provata.

La possibilità di ritrovarsi di fronte ad una recensione vera, sincera e spontanea, solitamente tende ad incuriosire l’utente.

Utilizzare i contenuti generati dagli utenti

Gli User Generated Content a causa della loro naturalezza e spontaneità, sono incredibilmente potenti e facilmente riconoscibili. Si tratta di annunci poco costosi poiché sono gli stessi utenti a crearli e a condividerli con amici e familiari se troveranno il loro contenuto pubblicato all’interno di un annuncio su Facebook.

Un sondaggio ha dimostrato che il 76% delle persone tende a fidarsi maggiormente di contenuti creati da altri utenti piuttosto che da quelli creati direttamente dai brand. Una tendenza particolarmente più diffusa nelle giovani generazioni.

Lo strumento più adatto per condividere contenuti emozionali generati dai nostri utenti è sicuramente Instagram.

Possiamo inoltre creare un hashtag personalizzato per il nostro marchio che i nostri clienti possono utilizzare quando pubblicano i nostri prodotti dandogli così l’opportunità di diventare dei veri e propri creators per il nostro marchio.

L’account Instagram di Apple ad esempio, presenta principalmente contenuti generati dagli utenti utilizzando l’hashtag #ShotoniPhone.

Marketing emozionale

Sfruttare le potenzialità dei video

Tutti i marketers del mondo sono ormai d’accordo con l’affermazione che i video sono attualmente lo strumento più efficace e che permette di garantire il miglior ritorno sull’investimento.

Naturalmente i video richiedono uno sforzo maggiore e la disponibilità dei brand a diventare vulnerabili e trasparenti con il pubblico, il che molto spesso può spaventare alcune aziende.

È anche e soprattutto questo il motivo per cui sono uno strumento incredibilmente potente per creare campagne di marketing emozionale efficaci e potenzialmente virali.

Quindi iniziamo a sistemare il set, mettiamoci dietro la telecamera. Possiamo mostrare una demo del nostro prodotto oppure far vedere un tour del dietro le quinte della nostra azienda o i metodi di lavorazione. L’importante e sfruttare sempre creatività e il potere della narrazione.

Toccare le corde del cuore

Ci sono ads sui social che molto spesso non raccontano le caratteristiche di un prodotto e nemmeno i suoi vantaggi, ma semplicemente riescono ad integrare il marchio in una sorta di racconto emozionale che tocca le giuste corde del nostro cuore.

L’esempio che segue rappresenta l’annuncio creato da Nike dopo che i Cleveland Cavaliers avevano conquistato la finale NBA dopo 52 anni.

Utilizzare i volti umani

Uno dei migliori consigli per fare leva sul marketing emozionale negli annunci su Facebook è quello di utilizzare i volti umani.

Marketing emozionale su Facebook

I nostri cervelli sono cablati per rispondere e riconoscere i volti. Per questo motivo siamo naturalmente attratti da loro in qualsiasi annuncio che vediamo. Utilizzarli nei nostri annunci sui social può aiutarci a colpire i giusti accordi psicologici.