Il caso

Hackerata British Airways, rubati i dati di 380 mila passeggeri

Sottratti i dati personali e finanziari degli utenti che hanno effettuato prenotazioni con British Airways tra il 21 agosto e il 5 settembre

La compagnia aerea britannica British Airways ha denunciato un furto di dati dei suoi clienti avvenuto attraverso il proprio sito web e l’applicazione Mobile che ha coinvolto 380 mila carte di credito: sottratti i dati personali e finanziari di passeggeri che hanno effettuato prenotazioni tra il 21 agosto e il 5 settembre, più esattamente dalle 21.58 (23.58 in Italia) del 21 agosto alle 20.45 (22.45 in Italia) del 5 settembre, quando i tecnici di British Airways si sono accorti del data breach. Ad annunciarlo la stessa compagnia di bandiera britannica. “I dettagli personali e finanziari dei passeggeri che hanno effettuato prenotazioni sul nostro sito internet e sulle nostre app sono stati compromessi – ha dichiarato la compagnia, che fa parte del gruppo aeronautico spagnolo-britannico Iag – siamo profondamente dispiaciuti per questo disagio che questa azione criminale ha provocato”. Sull’onda di queste rivelazioni, le azioni British Airways hanno perso oggi il 3% alla Borsa di Londra.  Le autorità di regolamentazione potrebbero infliggere all’azienda multe fino a mezzo miliardo di sterline.

British Airways

British Airways unveil ‘victoRIOus’ the aircraft bringing Team GB and ParalympicsGB back from Rio. Taken: 15th August 2016. Picture by: Stuart Bailey / British Airways

Indagine urgente

Il presidente e amministratore delegato della compagnia aerea, Alex Cruz, ha assicurato che “proteggere le informazioni personali dei clienti è una questione estremamente seria” per l’azienda. “Ci rammarichiamo profondamente per l’interruzione causata da questa attività criminale”, ha aggiunto. La società ha anche riferito di aver aperto un’indagine “urgente” per chiarire cosa è successo.

Le prenotazioni nel nel mirino

Tra il 21 agosto e il 5 settembre “le informazioni personali e finanziarie” dei clienti che hanno effettuato prenotazioni sul sito web ba.com e sull’applicazione Mobile della compagnia aerea, erano suscettibili di furto, ha dichiarato sempre British Airways. La compagnia ha anche riferito di aver contattato i clienti interessati e ha raccomandato che coloro che credono di essere state vittime di questi furti “contattino le loro banche o i fornitori di carte di credito e seguano le loro raccomandazioni”.