Novità

Facebook prova a monetizzare WhatsApp facendo pagare le aziende che non rispondono subito ai messaggi

La piattaforma valuterà la reattività dei canali offrendo quindi un servizio gratuito " a tempo"

Da tempo Facebook cercava un modo per monetizzare da WhatsApp, la più popolare app di messaggistica. Ora sembra aver trovato un modo che potrebbe funzionare con WhatsApp Business.

LEGGI ANCHE: WhatsApp rilascia finalmente le videochiamate di gruppo

Gli annunci di Facebook potranno comparire su WhatsApp

La connessione tra Facebook e WhatsApp potrà collegare gli annunci direttamente alla nuova piattaforma WhatsApp Business. Funzionerà in modo abbastanza semplice: le persone potranno contattare direttamente le aziende attraverso questo nuovo servizio; le aziende potranno rispondere in modo del tutto gratuito entro 24 ore. Se la risposta si fa attendere troppo (o non arriva affatto), viene applicato un costo di 9 centesimi per messaggio.

whatsapp

LEGGI ANCHE: Abbiamo testato WhatsApp Business: come funziona e come usarlo

In un sistema globale di scambi sempre più veloci, la piattaforma valuterà la reattività dei canali offrendo quindi un servizio gratuito ” a tempo”; quando l’azienda “sfora” i limiti concessi per rispondere a una persona, viene “multata” per il ritardo.

LEGGI ANCHE: Anche WhatsApp Business ha bisogno di una strategia per usarlo bene

WhatsApp si conferma il canale di marketing più coinvolgente al mondo. Se uniamo gli utenti attivi su Facebook Messenger e WhatsApp, questi rappresentano il 79% dell’intero mercato della messaggistica. Ecco perché per un’azienda WhatsApp Business potrebbe essere una strada facilmente percorribile per garantirsi alti tassi di coinvolgimento.

WhatsApp business

La chiave per utilizzare efficacemente WhatsApp for Business è data dalla qualità delle interazioni generate per creare una relazione di valore con le persone. WhatsApp viene utilizzato da persone per parlare con altre persone.

La soluzione presenta anche delle controindicazioni: cosa accadrà ai nostri numeri di telefono, in mano alle aziende?