Advertising

Da Pertini a Ben Stiller, le migliori pubblicità FIAT dell’era Marchionne

Una carrellata dei commercial più belli e più significativi della casa automobilistica durante la direzione dell'AD appena scomparso

Era il 2007 quando lo stesso Sergio Marchionne, che aveva già cominciato la sua rivoluzione in FIAT, mise la firma con una frase divenuta storica sullo spot per il lancio della nuova 500, il vero gioiello della sua gestione come AD.

Uno spot un po’ in stile Apple che era una carrellata delle immagini più emblematiche dell’Italia da Falcone e Borsellino, alle manifestazioni degli operai a Mirafiori, da Margherita Hack a Pertini e Gaber, inserito in una iconica scena di Nuovo cinema Paradiso.

Marchionne ammise di aver ideato e scritto lui stesso la sceneggiatura della pubblicità: “Ora la Fiat non creperà più. Torniamo a vedere la luce e puntiamo a diventare i migliori”, disse.

Abbiamo selezionato una serie di spot della casa automobilistica durante l’era Marchionne, per capire anche attraverso la pubblicità l’evoluzione dell’azienda e del marchio che per tutti gli italiani resterà sempre FIAT, anche se ormai da tempo è ufficialmente il gruppo FCA.

FIAT 500 e Zoolander

Se proprio la 500 ha segnato una svolta, con un grande rilancio del brand anche all’estero, non meraviglia che tra le migliori pubblicità dal tono internazionale ed ironico ci sia ancora una volta la piccola di casa FIAT.

Memorabile e sempre esilarante, lo spot ispirato a Zoolander con Ben Stiller.

FIAT Panda e Rovazzi

Sempre sulla scia della simpatia, negli ultimi tempi FIAT ha reso Rovazzi il nuovo volto della sua Panda, con una serie di commercial cuciti addosso al personaggio, per catapultare la vettura nel mondo del target di riferimento.

Il rilancio della Punto

Nel 2005, fu tra le prime opere di Marchionne, il lancio della Grande Punto, che segnò una rivoluzione sia per l’estetica che per la qualità complessiva di una delle auto più vendute di sempre del gruppo.

Sull’idea di un claim tipo “Punto. E basta”, fu lanciato lo spot sviluppato da SaffirioTortelliVigoriti, dove l’auto era presentata sulle note di una delle più famose canzoni di Vasco Rossi: “Senza Parole”.

Uma Thurman per Giulietta

Nel 2010 la campagna di debutto della FIAT Giulietta fu affidata ad un volto internazionale come quello di Uma Thurman, con uno spot ancora una volta firmato da Leo Burnett. Per la compatta della casa automobilistica non poteva non essere scelto un volto femminile.

Il sapore internazionale di Alfa Romeo

Se Alfa Romeo è il marchio di FCA destinato a suggestionare i veri appassionati di auto all’estero, con design e potenza, lo spot della Stelvio non poteva dimenticare questo pubblico, amplificando l’idea di un’auto costosa e ricercata e allontanando l’idea di auto a buon mercato che accompagnava il marchio italiano all’estero.

Maserati e il Super Bowl

Maserati è diventato il brand di punta di FCA per le grandi occasioni negli Stati Uniti, come il Super Bowl, per cui è stato creato uno spot in linea con l’evento e pensato apposta per il pubblico americano, in grado di esprimere tutta la potenza su quelle quattro ruote.

Probabilmente in Italia (e in Europa) non avremmo capito in pieno uno spot simile, coerente invece con il tono di voce epico dell’evento sportivo più atteso negli States.

Chiambretti per il restyling di 500

Sempre per 500, nel 2015, fu Leo Burnett a firmare la campagna per il restyling, con uno spot che rendeva l’auto ancora più prestigiosa, paragonandola ad un’opera d’arte, ma con un accenno sempre ben evidente al tipico tocco ironico italiano, grazie alla voce di Chiambretti che giocava sul lavoro di cesello dei designer del Centro Stile Fiat.

Lancia Ypsilon e la pubblicità al femminile

Lancia ha legato la sua Ypsilon alla guida al femminile e così anche lo spot per i 30 anni dell’auto è diventato un inno alla bellezza, senza tempo, e alle donne alla guida.

Il vero capolavoro per i 60 anni di FIAT 500

Solo lo scorso anno FIAT aveva stupito ancora con un corto per celebrare i 60 anni della propria automobile icona, in cui il premio Oscar Adrien Brody viaggiava tra il passato e il futuro di una bellissima Milano.

Sergio Marchionne ha fatto appena in tempo a vedere il lancio dell’ultimo spot per la FIAT 500 Spiaggina, prima del suo addio, ma chissà che l’arrivo a Torino di un volto come quello di Cristiano Ronaldo non sia anche il preludio per un nuovo testimonial di eccellenza delle auto che nell’immaginario di tutti noi resteranno sempre e comunque italiane.