life

Come mantenere un giusto equilibrio tra vita privata e lavoro spiegato da tre donne di successo

Alcuni esempi di giusto compromesso tra le energie spese nella vita professionale e le risorse impiegate nella vita privata

Ci sono giorni in cui il lavoro assorbe tutte le energie e giorni in cui si ha la sensazione di avere una vita quasi normale con del tempo libero. Capita anche a voi? Se la risposta è sì è necessario trovare la giusta work life balance, un giusto compromesso tra il tempo e le energie spese nella vita professionale e le risorse impiegate nella vita privata.

Se non sai da dove partire, ecco 3 consigli dai founder di All Year Round (AYR), un marchio denim femminile, che hanno trovato il giusto equilibrio tra le esigenze della loro vita personale e il lavoro.

3 consigli per un migliore work life balance-5 (1)

Maggie Winter, Co founder e CEO

3 consigli per un migliore work life balance-1

“Alla fine della giornata, cerco di passare il tempo facendo cose che amo: uscire con gli amici, raccontare barzellette, esplorare nuove idee, raccontare storie e imparare. Ovviamente ci sono giorni in cui il lavoro si conclude con molto ritardo, alle volte sei  giorni in una settimana, ma lavoro con i miei amici e mi sento come se potessimo fare qualunque cosa quando siamo insieme.

Costruire un’attività richiede una concentrazione incessante e consuma un’enorme quantità di energia ed emozioni. Cerco comunque di assicurarmi di non sacrificare troppo per perseguire l’obiettivo e cerco di incanalare le sfide in cambiamenti costruttivi. Ricordo a me stessa che il mio lavoro è una scelta e che, nonostante il senso di responsabilità sia alle volte travolgente, alla fine ho molta libertà. So che guarderò indietro e penserò che questi sono i giorni migliori “.

Jac Cameron, Cofounder & Creative Director

3 consigli per un migliore work life balance-2

“Penso che sia sempre una lotta trovare l’equilibrio e costruire un’attività attorno al lavoro e alla vita privata. Vorrei dire che esiste un pulsante per mettere pausa, ma in realtà non si lascia mai veramente il lavoro. Però mi sento molto fortunata perché i co-fondatori sono i miei migliori amici e il nostro team è piccolo, quindi siamo un gruppo incredibilmente stretto.

Ci assicuriamo che i nostri successi siano festeggiati, abbiamo lavorato duramente per creare un ambiente energico, flessibile e, soprattutto, in cui sia piacevole lavorare. Al di fuori del lavoro, penso che sia importante trovare il tempo per le cose che aiutano a centrare se stessi. Seguo religiosamente un corso di yoga e lavoro con Megan Roup che ha fondato la società Sculpt.

Mi assicuro anche di avere una buona dose di riposo in modo da poter affrontare ogni giorno con chiarezza mentale, di passare del tempo con gli amici e di concedermi una vacanza, elementi fondamentali per trovare il giusto equilibrio. Mi concedo anche del tempo per meditare quando sono a casa, mettendo il mio telefono in modalità aereo in modo da non controllarlo o rispondere a qualsiasi drin”.

Max Bonbrest, Cofounder & VP of Public Relations and Marketing

3 consigli per un migliore work life balance-3

“Lavorando con le persone imparo e mi lascio ispirare; questo mi rende felice alla fine di ogni giornata lavorativa, anche se il lavoro a volte può interferire con la vita privata, mi sento fortunata a partecipare a questo viaggio con questo gruppo di persone che hanno reso possibile il mio lavoro.

Anche se al momento sembra travolgente, la magia si trova nel nostro successo collettivo: quando ti rendi conto che puoi realizzare e conquistare molto più di quanto credi, è un antidoto energetico e naturale allo stress. Cerchiamo di incoraggiare il più possibile un salutare equilibrio tra lavoro e vita privata e di rendere divertente venire al lavoro – è diventato un luogo in cui tutti possiamo ridere e assecondare la nostra passione, e questo lo fa percepire meno come luogo di lavoro e più come vita quotidiana.

Dicono che i founder sono ciò che la compagnia è, così facciamo del nostro meglio per assicurarci che la nostra azienda sia composta da persone che condividano il loro entusiasmo attraverso il talento e una ricerca interiore per migliorare sé stessi e le persone che li circondano. Ho anche imparato a cucinare, una cosa che reputo molto terapeutica. Lo yoga invece è un momento di meditazione. Tra voli e la manutenzione della piattaforma, mi prendo del tempo da passare con gli amici e la famiglia per rilassarmi – ho bisogno di uscire nei weekend: una passeggiata sulla spiaggia o un’escursione in montagna fanno miracoli per liberare il cervello e ringiovanire le cellule “.