Mobilità

La Boring Company di Elon Musk costruirà un tunnel super veloce a Chicago

La società di Musk si è aggiudicata l'appalto per un sistema di trasporto super veloce e sotterraneo per collegare l’aeroporto O’Hare alla city

La Boring Company di Elon Musk è stata scelta dal Chicago Infrastructure Trust per progettare, costruire, finanziare, gestire e mantenere un sistema di trasporto super veloce e sotterraneo che colleghi l’aeroporto O’Hare di Chicago alla zona degli affari della città. Ad anticiparlo il Financial Times. Notizia confermata dal Chicago Tribune nel corso della giornata e dal sindaco della città Rahm Emanuel. La società di Musk ha battuto un consorzio composto da investitori, un fondo lanciato dall’ex giocatore della NBA, Magic Johnson, e dall’ingegneria civile britannica.

30 km in 12 minuti

Il Chicago Express Loop (ma si parla anche di O’Hare Express), prevede l’utilizzo di veicoli elettrici che viaggerebbero ad una velocità superiore alle 150 miglia orarie (circa 240 km/h) in 2 tunnel gemelli. Elon Musk ha promesso di ridurre a 12 da 40 minuti il tempo necessario per percorrere quella tratta, lunga una trentina di chilometri. Secondo il quotidiano, Emanuel è fermamente convinto che il progetto non richiederà denaro pubblico. Boring Company infatti sembra aver garantito l’intera copertura dei costi, che, sempre secondo fonti del giornale, ammonterebbe a meno di un miliardo di dollari. Nel corso della presentazione del progetto Elon Musk ha detto che la costruzione del tunnel potrebbe avvenire fra “tre, quattro mesi” e che gli ostacoli tecnici non ostacoleranno il progetto di Chicago.

LEGGI ANCHE: È pronto il tunnel sotterraneo di Los Angeles, Elon Musk svela i dettagli

musk

Elon Musk e il sindaco di Chicago Rahm Emanuel durante la presentazione del Chicago Express Loop – credits twitter.com/boringcompany

I pattini elettrici su telaio Tesla

La Boring Company ha detto che per il trasporto utilizzerebbe il telaio modificato della Tesla Model X come supporto per il suo sistema Loop. I veicoli verrebbero trasportati su pattini elettrici autonomi alla velocità di 160 km orari. I pattini elettrici porterebbero fra gli otto e i 16 passeggeri o un solo veicolo per passeggero.

LEGGI ANCHE: C’è un’automobile in orbita nello spazio. È la Tesla di Elon Musk

2 mila passeggeri l’ora

Secondo le stime, il sistema dovrebbe essere in grado di gestire circa 2 mila passeggeri per direzione all’ora, con auto che partono ogni 30 secondi – due minuti. E il costo? Boring ha parlato costi inferiori alla tariffa taxi (verosimilmente il ticket sarà compreso tra i 20 e i 25 dollari)

Sarà una gran cosa

“Se ci riusciamo sarà una grande cosa per la città. E se falliamo, beh, immagino che io e altri perderemo un sacco di soldi”, queste le parole di Elon Musk nel corso della presentazione ieri del progetto.

Pubblicità e tasse di transito

Secondo il Chicago Tribune in cambio del pagamento per costruire il nuovo sistema di transito, Boring Company si sarebbe garantita le entrate derivanti dalle tasse di transito e dagli introiti generati da pubblicità, marchi e vendite di veicoli. La proprietà dei 2 tunnel gemelli non è stata determinata, ma l’obiettivo dell’amministrazione Emanuel è quello di chiudere un contratto di affitto a lungo termine con la società di Musk.

La superstazione

Il vicesindaco di Chicago Robert Rivkin sui tempi di realizzazione del progetto ha detto che Boring è “molto ottimista” in merito. Boring Company ha anche dichiarato che rimetterebbe in funzione la superstazione ad alta velocità della Chicago Transit Authority sotto il Block 37, fuori servizio dal 2008 a causa per sforamento dei costi. Solo questo costerà almeno 50 milioni di dollari, mentre la costruzione della nuova stazione sotto O’Hare probabilmente ancora di più.

Cos’è successo in California

Boring Company negli ultimi mesi ha scavato un tunnel di prova in California. La sperimentazione ha dato esiti positivi, al punto che la società ha pubblicato un video di un Model S che attraversa il tunnel. Musk ha anche detto che gli ostacoli tecnici non ostacoleranno il progetto di Chicago.

I dubbi sui costi e sulla tecnologia

Oltre allo scetticismo sul costo stimato del progetto (1 miliardo di dollari è una cifra piuttosto bassa), gli altri dubbi riguardano ka logistica del progetto. I pattini della Boring Company non sono stati prodotti in serie prima e quello di Chicago è il primo tentativo della compagnia di sviluppare un sistema di trasporto di massa.