Case history

Coca-Cola vuole combattere i pregiudizi durante il Ramadan con uno spot emozionante

Il marchio più conosciuto al mondo punta al dialogo con i giovani consumatori musulmani durante il mese del digiuno, attraverso una campagna solidale

Un semplice e universale messaggio di amicizia e solidarietà quello dell’ultimo video trasmesso sul canale Facebook di Coca-Cola Netherland: uno spot commovente dedicato ai musulmani di tutto il mondo che, da mercoledì 16 maggio a giovedì 14 giugno 2018, stanno osservando il Ramadan, la pratica islamica millenaria che consiste in un mese dedicato al digiuno e all’abnegazione.

La festività, a differenza di altre, è sempre stata vista come momento poco interessante da parte degli advertiser per poter divulgare i propri messaggi pubblicitari. Potremmo, quindi, definire questo spot un’eccezione nel mondo del marketing occidentale. Un commercial che aiuta, inoltre, a discutere sui tanti stereotipi e a far luce su una realtà che spesso, coloro che non sono musulmani, tendono ad ignorare, se non a denigrare.

Ramadan e Coca Cola Netherland. Spot 2018

LEGGI ANCHE: Coca-Cola, Audi e SEK: i migliori annunci stampa della settimana

Coca-Cola e Ramadan: il video

Realizzato in collaborazione con l’agenzia pubblicitaria FP7 McCann UAE, il video rappresenta una giovane donna musulmana che, oltre a resistere alle ultime ore di digiuno prima del tramonto, deve lottare contro gli ostacoli della vita quotidiana. La ragazza è, infatti, oggetto di sguardi e pregiudizi, nonché vittima di bullismo da parte dei passanti.

Quando al calar del sole sta per interrompere il digiuno quotidiano con l‘Iftar, il pasto serale del Ramadan costituito da qualche dattero, una passante in tuta da corsa la nota e decide di offrirle una bottiglia di Coca-Cola. La giovane musulmana, inizialmente, non essendo ancora giunto il tramonto, non accetta. L’altra ragazza, dopo qualche attimo, capisce la situazione e decide di attendere con lei il calar del sole, così da poter condividere e bere insieme dall’iconica bottiglia.

Il video termina con lo slogan: “Quello che ci unisce è più grande di quello che ci divide”.

L’assenza di dialogo, la musica pacata e coinvolgente, l’atto di tenera condivisione e solidarietà quotidiana sono sicuramente gli elementi che hanno contribuito alla trasmissione di questo messaggio e alla sua viralità sui social network.

Inizialmente pubblicato su Facebook, il video ha raggiunto oggi, solo su questo social network, circa 231mila visualizzazioni, 4.800 condivisioni e quasi 5.000 mila Like. Ripubblicato successivamente su Youtube, in questi giorni sta continuando a riscuotere un successo enorme.

Coca-Cola e Ramadan, i precedenti

Non è la prima volta che Coca-Cola cerca di affrontare il pregiudizio con uno spot dedicato al Ramadan.

Nel 2015 Coca-Cola Medio Oriente aveva, inizialmente, realizzato una serie di lattine in edizione limitata, senza il celebre logo. Sul retro una scritta: “Le etichette sono per le lattine, non per le persone”. In concomitanza, l’azienda aveva creato un video in cui veniva rappresentato un esperimento volto alla messa in evidenza degli stereotipi della nostra società: senza potersi vedere, sei estranei invitati a un Iftar hanno conversato tranquillamente. Il risultato è stato che, a differenza di ciò che succede in condizioni di visibilità (i pregiudizi si formano entro i primi 7 secondi in cui si incontra qualcuno, basandosi sulle apparenze fisiche, sulla nazionalità e sulla cultura), nessuno di loro ha avuto alcun tipo di pregiudizio sull’aspetto degli altri ospiti.