Week in Social

Week in Social: tutte le novità di Instagram, Facebook, WhatsApp e YouTube introdotte questa settimana

Nuove feature nelle Stories di Facebook e Instagram, YouTube lancia il servizio di streaming musicale e WhatsApp testa le videochiamate di gruppo

Daniela Chiorboli
Daniela Chiorboli

Social Media Strategist @ IMILLE

Ti piacerebbe entrare in connessione con uno dei più prestigiosi esperti italiani di Social Media e ricevere aggiornamenti continuativi e notizie imperdibili? Scopri il Social Media LIVE Program con Luca La Mesa, Top Teacher Ninja Academy.

Il fine settimana non è solo sinonimo di relax ma anche di #WeekInSocial, la nostra rubrica che riassume tutte le novità della settimana appena trascorsa.

Tra Instagram e Facebook che implementano nuove feature nelle Stories, YouTube che cerca di stare recuperare terreno nella sfida con Spotify e WhatsApp che si evolve, vediamo nel dettaglio cosa è successo sui Social negli ultimi giorni.

I contenuti in feed di Instagram diventano condivisibili direttamente nelle Stories

WeekinSocial1

Quante volte avete visto un post su Instagram molto interessante, avete fatto uno screenshot e lo avete condiviso come Stories sul vostro profilo? Instagram ha introdotto una nuova funzionalità che permette di condividere i contenuti visibili nel feed direttamente all’interno delle Stories, mediante un adesivo.

Questa nuova feature è pensata principalmente a vantaggio dei profili Business, in quanto gli utenti potranno così condividere i loro prodotti preferiti con i propri followers, aumentando l’awareness del Brand.

Instagram permette di “silenziare” gli account troppo invadenti

WeekinSocial2

Come succede già per Facebook, anche su Instagram prossimamente sarà possibile nascondere dal proprio feed i contenuti condivisi dai profili degli amici, senza dover smettere di seguirli. Gli utenti potranno comunque continuare a vedere foto e video pubblicate sul profilo silenziato e ricevere notifiche sui commenti o sui tag.

Questa funzionalità permette di migliorare ulteriormente la personalizzazione del proprio feed, scegliendo di vedere solo i contenuti che ci interessano davvero. Sarà comunque possibile “riattivare” il profilo silenziato in ogni momento.

Su questo tema, il nostro Top Teacher Ninja Academy Luca La Mesa dice che:

“Dopo aver testato la stessa funzionalità su Facebook credo che sarà molto utile anche per Instagram. Darà anche un duro colpo a tutti coloro che usano tecniche poco consigliate pur di farsi seguire e che, dopo questa novità, potranno pure avere molti follower ma pochi di loro vedranno realmente i contenuti, se sono stati quasi obbligati a seguire un determinato profilo”.

Facebook testa la pubblicità nelle Stories

WeekinSocial3

Dalle Stories di Instagram passiamo a quelle di papà Facebook. Dopo circa 14 mesi di sofferenza finalmente le Stories sulla piattaforma iniziano a riscuotere un discreto successo, raggiungendo mediamente 150 milioni di utilizzatori al giorno.

Per questo il caro Mark ha deciso che è arrivato il momento per monetizzare lo strumento e introdurre gli annunci pubblicitari (anche qui!). Al momento questo aggiornamento è in fase di test in Stati Uniti, Messico e Brasile, dove gli utenti potranno imbattersi in mini-video ADV non cliccabili, della durata compresa tra 5 e 15 secondi, che se vogliono potranno skippare.

Luca La Mesa commenta la notizia così:

“Facebook continua a cercare nuovi spazi dove inserire la pubblicità in modo anche da diluire la pressione presente negli spazi disponibili, nella speranza che in futuro il prezzo possa anche, talvolta, calare. Le stanno già sperimentando anche su Messenger, nei gruppi e su WhatsApp”.

SocialMediaLiveProgram-NM_600x420

YouTube lancia ufficialmente “YouTube Music” il nuovo servizio di streaming musicale

Sono stati scelti gli Stati Uniti, l’Australia, la Nuova Zelanda, il Messico e la Corea del Sud come primi Paesi di lancio di “YouTube Music”, la nuova piattaforma streaming di YouTube disponibile in versione desktop e app mobile progettata appositamente per l’esperienza di ascolto musicale.

Questo nuovo servizio streaming offre due versioni, una gratuita che contiene annunci TrueView e una premium senza pubblicità che comprende l’ascolto in background e il download dei brani.

Cosa ne pensa Luca La Mesa?

“Un mercato troppo interessante da poter ignorare. È curioso notare come il lancio sia molto in ritardo rispetto ad altri player e sarò curioso dunque di vederne le performance”.

LEGGI ANCHE: Cosa è cambiato su Facebook negli ultimi 5 anni (e come affrontarlo)

WeekinSocial4

In fase di testing le videochiamate di gruppo su WhatsApp

Questa nuova funzionalità era già stata annunciata a inizio mese in occasione della conferenza Facebook F8 e da qualche giorno WhatsApp ha cominciato a testare le videochiamate di gruppo sull’applicazione, al momento per un massimo di 4 partecipanti.

Questo update è al momento disponibile solo per alcuni utenti selezionati e il suo rilascio sarà scaglionato, ma è possibile iscriversi al programma “Become a Tester” aperto a coloro che utilizzano il sistema operativo Android per proporsi come tester degli aggiornamenti di WhatsApp.