Week in Social

Week in Social: il riassetto di Facebook, le password di Twitter e le nuove funzioni di Instagram

Tutte le notizie di questa settimana dal mondo dei social che non puoi perderti

Francesco Pannullo

Social Media Manager @Giffoni Innovation Hub

Ti piacerebbe entrare in connessione con uno dei più prestigiosi esperti italiani di Social Media e ricevere aggiornamenti continuativi e notizie imperdibili? Scopri il Social Media LIVE Program con Luca La Mesa, Top Teacher Ninja Academy.

E anche questa volta siamo giunti al weekend di questa settimana lunga e impegnativa: ma siamo sicuri di essere riusciti a stare dietro a tutto ciò che è successo nel mondo dei social network in questi sette giorni?

Tranquilli, ci pensa la redazione di Ninja Marketing a tenervi aggiornati come ogni venerdì!

2

Facebook si riorganizza (e apre alla blockchain)

Ventata di freschezza a Menlo Park: dopo quindici anni, sembra che stia per arrivare la più grande riorganizzazione dei vertici dell’azienda. A prendere la decisione, sembra sia stato proprio  Mark Zuckerberg, anche a seguito delle vicissitudini degli ultimi mesi.

Secondo indiscrezioni, il tutto si dividerà in tre aree: un gruppo dedicato alle app (Facebook, Instagram, WhatsApp e Messenger), una nuova divisione che si occuperà delle nuove piattaforme, (tra cui anche quella legata alla blockchain) e una definita “central product services” che invece gestirà la pubblicità e la sicurezza.

Cosa ne pensa Luca La Mesa, Top Teacher di Ninja Academy?

“L’utilizzo della blockchain in termini di sicurezza aprirà sicuramente nuovi interessanti scenari e chi ospita quotidianamente più di 2 miliardi di utenti è importante che sperimenti queste nuove tecnologie. David Marcus ha lavorato molto bene su Messenger e sono  curioso di vedere le priorità che imposterà su questo nuovo importante incarico”.

3

WhatsApp adesso può riprodurre i video di Instagram e Facebook

Nuove funzioni per WhatsApp: l’app di messaggistica ha infatti appena rilasciato un nuovo aggiornamento che consente agli utenti di riprodurre all’interno dell’applicazione stessa le clip video provenienti da Instagram e Facebook. La funzione, già abilitata per i contenuti provenienti da YouTube è stata rilasciata al momento solo per i dispositivi Apple, mentre non c’è ancora conferma sui tempi del rilascio per Android.

Il punto di vista di Luca La Mesa, Top Teacher di Ninja Academy:

“Facebook si è adeguata alla novità introdotta nei confronti di YouTube e credo andrà a migliorare l’esperienza degli utenti che eviteranno di dover passare da una app ad un’altra per vedere alcuni video”.

SocialMediaLiveProgram-NM_600x420

I social media creano dipendenza psicologica come il gioco d’azzardo

Secondo gli esperti, i Social Media utilizzerebbero le stesse tecniche delle compagnie di gioco d’azzardo per prendere letteralmente “il controllo” della vita degli utenti.
Secondo Natasha Schüll, autrice del libro Addiction by Design, “Facebook, Twitter e altre compagnie usano metodi simili a quelli dell’industria delle scommesse per mantenere gli utenti sui loro siti”.

Sembrerebbe che i metodi impegnati abbiano un’efficacia tale che gli effetti attivano un meccanismo sul cervello simile a quello della cocaina, con la relativa dipendenza psicologica.

L’esperienza di Luca La Mesa:

“Nel 2016 ad Harvard ho partecipato all’HIVE Global Leader Program dove abbiamo toccato anche il temi del Digital Detox e dei rischi legati all’uso eccessivo dei social. Sono convinto che la tecnologia sia solo tecnologia e la differenza è nel modo in cui la utilizziamo. Due anni fa, per la prima volta, ho visto all’interno dello spogliatoio di un’importante realtà sportiva dei poster che consigliavano gli atleti su come non farsi distrarre dai social prima di un’importante prestazione sportiva. Tutti noi dovremmo porci questi dubbi e utilizzare i social media per ottenere vantaggi e mai per diventarne dipendenti”.

LEGGI ANCHE: 8 step per riprendere il controllo sul tuo smartphone (e sulla tua vita)

Facebook blockchain

Reset delle password e novità in casa Twitter

È di questi giorni la notizia che Twitter a causa di un bug, ha dovuto comunicare ai propri utenti (330 milioni) di cambiare la password. La società però dal canto suo precisa che non vi sono stati furti accertati di informazioni e non ha comunicato il numero degli account coinvolti. Secondo fonti aziendali, il numero di account è significativo e le password sono state vulnerabili per diversi mesi.

D’altro canto, però Twitter sembra stia per rilasciare una nuova funzione per rendere più sicuri gli scambi di messaggi tra gli utenti, dotata di crittografia End-To-End, di cui però per il momento si conosce ben poco.

Facebook blockchain

Nuove funzioni per Instagram

La primavera sembra essere il momento più prolifico per il rilascio di nuove funzioni: la conferma ci arriva anche da Instagram, che dopo aver rilasciato Shopping, adesso sembra pronta a rilasciare nuove feature per gli account business, principalmente votate a semplificare il modo in cui si interagisce con i clienti: filtri, risposte rapide, messaggi importanti e tanto altro ancora, sbarcheranno sui nostri profili business a breve.

Faranno il loro ingresso sulla piattaforma anche nuovi pulsanti per le call to action, che consentiranno di acquistare biglietti, ticket e prenotazioni senza uscire dalla piattaforma.

Ultime, ma non per importanza, sono gli adesivi con le emoji a scorrimento introdotte nelle Stories, che ci consentiranno di fare domande che prevedono una risposta con più sfumature quando vogliamo scoprire cosa pensano i nostri amici di qualcosa.

Ecco cosa ne pensa Luca La Mesa:

“La novità è particolarmente importante se la vediamo nello scenario più ampio di tutte le novità che Instagram sta introducendo per aumentare le conversioni che gli utenti possono fare grazie alla piattaforma. Stiamo facendo dei test con importanti brand di moda, anche se non tutte le funzionalità annunciate sono sempre subito disponibili per tutti. All’interno del Social Media LIVE Program abbiamo approfondito con delle guide ad hoc gli aspetti tecnici per poter sperimentare per primi”.