Mobility

Ford taglia la produzione di veicoli negli USA, addio a Fiesta e Focus (ma punta sull’elettrico)

L'industria automobilistica sta cambiando, anche Ford si adegua

Se ci fosse ancora qualche dubbio su quanto l’industria automobilistica stia cambiando rapidamente, il gigante americano delle automobili fornisce ulteriori prove a sostegno della tesi: Ford ha tagliato la produzione negli USA, ridimensionando la gamma delle vetture e riducendo il numero delle utilitarie e berline. Lo sviluppo dei modelli, sarà limitato a SUV, camion e veicoli commerciali, su cui l’azienda punterà tutto.

Nei prossimi anni spariranno gradualmente dal mercato anche l’amatissima Fiesta e la Focus. Sopravvive al taglio, invece, la storica Mustang.

LEGGI ANCHE: Formula E, tutti i numeri dell’ePrix di Roma (che lo ospiterà per 5 anni)

Alla base della scelta, il calo della domanda da parte dei consumatori, che rende poco praticabile lo sviluppo di auto di piccole e medie dimensioni: il risparmio in termini di consumo che le nuove tecnologie stanno apportando ai veicoli in commercio, rende più stretta la forbice di convenienza nell’acquisto di vetture compatte, sia in termini di costo del carburante, sia in incentivi.

ford2

Ford punta sull’elettrico

Ford ha anche confermato che lancerà il suo primo veicolo completamente elettrico nel 2020 e che, entro il 2022, i modelli disponibili sul mercato saranno ben 20.

Gli scenari economici mutati e la differente percezione delle necessità delle nuove generazioni ha creato un quadro critico per il mercato dell’automobile a livello globale: possedere un’automobile non è più così importante come lo era un tempo.

Sistemi nuovi, come la condivisione del mezzo di spostamento sul modello BlaBlaCar o strumenti alternativi come Uber (dove consentiti), possono supplire agevolmente al possesso di un’autovettura, permettendo di risparmiare moltissimo denaro. Lo sviluppo tecnologico, poi, permetterà di far uso di servizi di trasporto a guida autonoma che non necessitano di conducente; continuare a investire sulla berlina classica appare quindi un controsenso.

La mossa di Ford di tagliare nettamente la sua linea di produzione segnerà forse l’inizio di una tendenza, anche se nessuno degli altri competitor ha preso misure così drastiche.