Previsioni

Gli smartphone vanno verso un futuro senza batterie rimovibili (e i nostalgici devono rassegnarsi)

Si va verso un design sempre più integrato, ecco perché è stupido continuare a rimpiangere le batterie rimovibili per i nostri smartphone

Luca Cannarozzo

Web Strategist

    Le batterie rimovibili hanno segnato a lungo la storia della telefonia mobile, fino al momento in cui nel 2007 le cose sono cambiate con l’arrivo sul mercato del primo iPhone. È stata Apple infatti la prima a non prevedere una batteria estraibile dal telefono tramite il classico sportellino ed è rimasto poi come tratto distintivo degli smartphone dell’ultimo decennio.

    Oggi dopo circa dieci anni da quell’innovazione ci si interroga su vantaggi e svantaggi delle batterie non rimovibili. Una riflessione che nasce conseguentemente alla bufera che ha coinvolto Apple circa il rallentamento degli iPhone, ma anche una problematica dettata dall’usura delle batterie, inadatte a reggere il passo dell’evoluzione tecnologica mobile.

    LEGGI ANCHE: Apple farà un aggiornamento iOS anti-rallentamento (e assumerà 20 mila nuovi lavoratori)

    Dunque sarebbe meglio tornare alle batterie rimovibili?

    batteria-smartphone-guida

    No, non è meglio tornare alle batterie rimovibili

    Dopo le ultime vicende legate al caso Apple sarebbe semplice optare per una ri-progettazione e un riutilizzo delle batterie rimovibili su smartphone e dispositivi mobili, ma questo non è possibile. Eccone i motivi, alcuni più semplici e ovvi, altri più tecnici.

    smartphone-batteria-removibile

    1 – Infiltrazioni di acqua e polvere

    Forse si tratta della motivazione più scontata, ma di certo anche più logica. La reintroduzione delle batterie rimovibili comporterebbe l’aumento di aperture e fessure lungo i bordi (ma anche di crepe dettate dall’usura) del dispositivo, un pericolo reale per infiltrazioni d’acqua e di polvere.

    2 – Depotenziamento delle celle

    Per il potenziamento delle celle delle batterie gli ingegneri hanno sviluppato batterie con forme insolite (come quelle a forma di L di iPhone X). L’integrazione delle batterie rimovibili comporterebbe sia un ridimensionamento delle batterie in forme più usuali (rettangolari o quadrate) che un forte depotenziamento delle stesse, riducendo non di poco le funzionalità di qualunque smartphone.

    3 – Un design poco appetibile

    Non è difficile accorgersi delle tendenze di questi ultimi anni nel campo del design tecnologico. Le parole d’ordine sono essenzialmente due: spessore ridotto (al minimo) e materiali nobili. Due elementi in forte dissonanza con una eventuale reintroduzione delle batterie rimovibili, che comporterebbero nuovamente l’utilizzo di materiali mediocri e poco ricercati.

    LEGGI ANCHE: iPhone X: le cose che Apple non ha detto

    4 – Meno spazio per tutto

    Il passaggio alle batterie sigillate ha permesso agli ingegneri di poter sviluppare nuove tecnologie e di introdurle nei sottilissimi smartphone di oggi: la ricarica wireless, i sistemi audio stereo, i sensori ambientali di varia natura sono solo alcuni esempi.

    smartphone-batteria-removibile

    Il design integrato ha il suo prezzo

    Risulta abbastanza semplice immaginare oggi lo smartphone del futuro con una batteria rimovibile: grande, spesso, pesante e brutto.

    Eppure c’è chi vorrebbe tornare alle batterie rimovibili: la prima motivazione è perché queste ultime si possono quasi considerare una scelta più ecologica. Poter infatti cambiare la batteria del proprio smartphone ci permette in teoria di farlo durare più a lungo e dunque di produrre una minore quantità di rifiuti elettronici.

    Le batterie rimovibili inoltre permettono di avere sempre con sé un ricambio, senza attendere la ricarica dello smartphone.

    C’è sempre un momento in cui una tecnologia diventa talmente obsoleta che non ha senso rimpiangerla: è stato così per i floppy disk, per il jack per le cuffie e ora è il tempo di dire addio alle batterie rimovibili.

    In un mondo perfetto, potresti scegliere tra un iPhone X normale e uno con una batteria rimovibile. Ma la tecnologia di oggi non è fatta per i compromessi e non si tornerà indietro: il futuro dei telefoni è sempre più un design integrato, compatto, in cui saranno sempre meno distinguibili le singole parti.