In arrivo

Spotify presenterà un gadget per lo streaming della musica in auto (incluso nell’abbonamento)

Comandi vocali per gestire la musica preferita anche mentre si guida. Sarà questa la novità dell'evento del 24 aprile?

Potrebbe arrivare presto nelle nostre auto il primo dispositivo fisico di Spotify: uno speaker per l’automobile in grado di riprodurre in streaming la nostra musica preferita. Il device, per adattarsi perfettamente alla sua funzione, risponderebbe anche al comando vocale. Il rumor confermerebbe l’impegno dell’app di streaming musicale nell’implementazione dei comandi vocali nelle sue funzioni.

LEGGI ANCHE: Chi è Daniel Ek il papà di Spotify e come è nata l’app di streaming legale

spotify2

L’azienda, che a inizio aprile ha debuttato a Wall Street presentandosi con  quotazione diretta, che non prevede alcuna emissione di nuovi titoli né il coinvolgimento di banche di investimento, ha fissato per il 24 aprile a New York un grande evento in cui annunciare grosse novità.

Non si sa assolutamente nulla riguardo al contenuto, ma il sospetto che queste novità riguardino l’ingresso della piattaforma nel mercato dei dispositivi IoT, in particolare degli assistenti vocali, si fa più consistente, visto che a febbraio diversi utenti avevano riferito di aver ricevuto un’offerta in app riguardo a un nuovo dispositivo.

LEGGI ANCHE: Spotify blocca chi usa app craccate per non pagare l’abbonamento

Il device di Spotify da febbraio su Reddit

L’offerta riguardava la possibilità di ricevere il device all’interno di un abbonamento mensile di 12,99 dollari per 12 mesi, che coprirebbe anche il costo del servizio musicale, per un totale di 155 dollari annui.

Il dispositivo è stato quindi visto per la prima volta su Reddit a febbraio, dopo che alcuni utenti hanno postato gli screenshot dell’annuncio; ha un design moderno e pulsanti fisici per impostare le funzioni principali, oltre alla firma di Spotify ben in evidenza.

spotify3

 

Si è discusso del dispositivo anche sui forum ufficiali di Spotify, ma i moderatori non hanno rilasciato dichiarazioni rifiutando di commentare: hanno infatti sostenuto che si trattasse solo di un test. Anche quando è stato The Verge a chiedere chiarimenti a  Spotify, stesso rifiuto a fornire spiegazioni.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?