Digital economy

Arriva Airbnb Plus, il nuovo servizio premium per le case di lusso

A dieci anni dalla fondazione la piattaforma lancia una nuova strategia con l’obiettivo di arrivare a un miliardo di ospiti all’anno nel 2028: nuove categorie di alloggi e abitazioni certificate

Da oggi Airbnb permette di prenotare camere in boutique hotel, bed-and-breakfast e case vacanza, host che sono già sulla piattaforma, ma che ora avranno una categoria dedicata. “Strutture di ospitalità professionali che di solito hanno uno stile o un tema unico”, ha detto il CEO Brian Chesky nel corso di un evento giovedì a San Francisco.

Airbnb ha anche lanciato una serie di opzioni per una fascia più alta. Tra cui, Airbnb Plus, per proprietà che sono state verificate una per una dalla società (“case incredibilmente belle“, ha detto Chesky), e Beyond by Airbnb, per proprietà di lusso. Il primo servizio per ora è attivo in 13 città in tutto il mondo (comprese Roma e Milano), conta 2 mila abitazioni e ha per protagonista una nuova categoria di case “certificate” per comfort, qualità e interior design. Per essere comprese in questa categoria, le abitazioni  saranno ispezionate, fotografate e alla fine scelte.

airbnb

Un servizio più attraente e selettivo

Per Chesky  i cambiamenti hanno come premessa la necessità di rendere il servizio meno di nicchia e più attraente per una più ampia gamma di clienti.  L’azienda consente inoltre ai clienti di selezionare più accuratamente le proprie inserzioni attraverso le categorie estese nel portale, come ad esempio la ricerca di una casa con architettura rustica o un host in grado di suonare la chitarra.

SuperGuest, per i clienti più fedeli

Tra le nuove release della piattaforma, c’è anche uno spazio per i premi, chiamato Superguest, che offrirà vantaggi ai clienti abituali. Il progetto è parte di una profonda revisione della piattaforma, grazie alla quale la società conta di arrivare ad un miliardo di prenotazioni l’anno entro il 2028.  Con i cambiamenti apportati alla piattaforma, soprattutto, Airbnb riconosce che l’industria alberghiera ha strumenti che l’azienda non ha e cerca di individuare il suo flusso di entrate e clienti.