Consigli

Come scrivere un curriculum perfetto, anche se non sei Elon Musk

Novoresume, azienda specializzata in CV, ha utilizzato proprio Musk per dimostrare come una lunga carriera di successo può essere presentata in un curriculum da una sola pagina

Un curriculum dovrebbe essere inteso come un vero e proprio biglietto da visita: se scritto efficacemente può rappresentare l’integrazione tra percorsi formativi e identità personale. Il rischio che spesso si corre, però, nella stesura del curriculum è di non riuscire a comunicare realmente le proprie competenze o la propria “voglia di fare”. Succede molto spesso di non riuscire a distinguersi, risultando anonimi e senza personalità. Non è sufficiente, ad esempio, affermare di possedere competenze comunicative senza poi poterle linkare ad esperienze reali indicando i contesti e le occasioni in cui è stato utile possedere suddette qualità.

Waiting for interview. Close-up of young man holding paper while sitting on chair against grey background

Best practices

Ricordate che il selezionatore non avrà a disposizione un’ora della sua vita per ogni curriculum, puntate quindi a colpire in massimo 30 secondi. Nel momento in cui avrete ottenuto l’attenzione del recruiter sarete passati allo step successivo.

Per questo motivo è fondamentale capire quali sono le parti del CV che mirano ad attrarre: solitamente sono composte dalle esperienze lavorative, livello di istruzione o anche riconoscimenti e premi ottenuti durante il proprio percorso lavorativo. Meglio, per esempio, dare la precedenza alle esperienze “più fresche” poiché il recruiter potrà comprendere i motivi per cui state cercando di cambiare lavoro e sopratutto in quali campi siete maggiormente skillati.

Un altro trucchetto che in pochi utilizzano è di mettere in mostra le keyword che si vogliono mettere in risalto utilizzando il grassetto: se avete lavorato ad un grosso progetto di rebranding per una multinazionale e subito sotto esponete un piccolo lavoretto per l’azienda di famiglia, è fondamentale fare in modo che venga attribuita più importanza all’esperienza di maggior valore.

LEGGI ANCHE: 4 cose che devi assolutamente eliminare dal tuo CV

Poi, pensateci bene, quando volete cercare una persona cosa fate? Siamo nell’era dei social, facciamocene una ragione, se volete cercare una persona andrete proprio lì.

Bene, sappiate che il recruiter fa la stessa cosa. State quindi attenti a curare la vostra immagine sul web e se dovete pubblicare foto in cui siete in condizioni pietose, abbiate almeno la cura di rendere privato il vostro profilo.

curriculum

Credits: Depositphotos #63760169

Basta una pagina, anche se sei Elon Musk

Prendiamo il caso di Elon Musk: il suo nome è oramai diventato definitivamente mainstream dopo aver fatto partire un razzo verso Marte con annessa automobile Tesla.

Elon Musk, però, non è stato solo a capo delle aziende Space X e Tesla ma è anche stato colonna portante del progetto Paypal e ha contribuito con le sue attività il mercato dell’energia solare.

Spiegare in un curriculum tutte queste attività lavorative richiederebbe in linea teorica ben più di due pagine: e invece no. Novoresume, azienda specializzata in composizione di CV, qualche tempo fa ha utilizzato proprio Musk per dimostrare come una lunga carriera di successo potesse essere presentata in un curriculum composto da una sola pagina.

Una delle competenze segnalate nel suo curriculum è rappresentata dal micromanaging: Musk è conosciuto come una persona con cui non è facilissimo lavorare, lui stesso si è definito come un nano-manager, per spiegare come riesca a controllare il lavoro altrui fino a finire anche nel micro del dettaglio: “Vedo solo cosa c’è che non va, cerco di non prestare attenzione alle cose che già vanno bene, sono consapevole che questa strada non costituisca la giusta via verso la felicità”, ha dichiarato infatti.

LEGGI ANCHE: Scrivere il CV perfetto? Non è facile, neanche se sei Marissa Mayer

cv-elon-musk

Anche se non sei Elon Musk, metti in evidenza i tuoi punti di forza

Un concetto importante, comunque, è sottinteso nell’esperimento di Novoresume: che con il giusto design si può (e si deve) evitare di inserire più di una pagina nel curriculum. Vince sempre il less is more.

Non scordiamoci mai che l’obiettivo è di scrivere e comunicare in maniera efficace e personale cercando di convincere il recruiter che si è la persona giusta all’interno del contesto professionale desiderato.