Tips

L’approccio zen al Content Marketing: come e perché farne tesoro

Un metodo per cambiare prospettiva e guardare in modo diverso al ruolo del Content Manager

Chiara Sgarbi

PR&Social Media

    I Fondamentali: Strategy, Storytelling, Web Copywriting. Scopri il Corso in Content Marketing di Ninja Academy, formula Online + Aula Pratica (opzionale) a Milano.

    Se migliorare il vostro Content Marketing rientra tra i propositi del 2018 ma non avete ancora messo mano alla strategia o la bozza che avete finora non vi soddisfa, allora dovete percorrere la strada della meditazione.

    Suona strano? Niente affatto. È arrivato il momento di provare un nuovo metodo che passa per un approccio zen. Le pillole di saggezza sono dispensate dal guru del Content Marketing, Robert Rose, Chief Strategy Advisor del Content Marketing Institute.

    Eccole elencate:

    • Adottare una prospettiva di largo raggio
    • Valorizzare il ruolo dei marketers
    • Liberare la creatività
    • Sostanza e forma devono andare a braccetto
    • Guardare il proprio ruolo con occhio diversi

    L'approccio zen al Content Marketing_come e perché farne tesoro4

    Lo scopo del Content Marketing è creare contenuti in grado di rispecchiare la strategia complessiva. Ogni Content Manager sa che, quale che sia l’obiettivo, serve essere consapevoli del proprio ruolo e il pensiero creativo deve trovare lo spazio per esprimersi. Ecco perché questi cinque pilastri zen saranno il vostro nuovo vademecum.

    Vediamoli nello specifico.

    1. Ampliare la prospettiva

    Si tratta di sollevare lo sguardo dallo schermo e spostare il focus su quello che stiamo costruendo, piuttosto che su quello che stiamo facendo. Vuol dire, in poche parole, ricordarsi della strategia. Serve ricondurre le azioni tattiche e l’operatività al progetto. In questo modo anche i momenti più duri avranno un sapore diverso.

    2. Ricordarsi del proprio valore

    L’unione fa la forza: chi si occupa di Content Marketing ha a che fare con molteplici task e per renderli entusiasmanti serve ricordarsi del disegno più ampio al quale appartengono. Il vero fascino del ruolo risiede nel collegare i pezzi del puzzle e vederlo nel suo insieme.

    L'approccio zen al Content Marketing_come e perché farne tesoro3

    3. Basta ai limiti autoimposti

    L’approccio zen suggerisce di iniziare a pensare al piano editoriale senza limitarsi a strutture fino ad ora considerate fondamentali e inamovibili. A partire dal tempo e dalle scadenze. Siamo abituati a considerare il tempo in settimane, mesi, trimestri e semestri e a gestire iniziative e strategie di conseguenza. Il modello zen ci dice di mettere davanti il nostro obiettivo e poi darci delle tempistiche. In questo modo non penseremo solo a togliere i nostri task dalla lista delle cose da fare, ma rimetteremo al centro il content e il suo ruolo e così tutta la strategia ne beneficerà.

    LEGGI ANCHE: 4 cose che ti servono per cominciare a lavorare con l’HyperContent Marketing

    4. Puntare ad un contenuto significativo e sexy

    Significativo o sexy? Questo è il problema! Quanti di voi si ritrovano in questo eterno dilemma? L’approccio di Robert Rose elimina le distanze e fa coincidere le due anime. Per essere efficace, il contenuto deve unire queste due caratteristiche. Non da meno, adottando questa nuova prospettiva si eliminano anche noiosi grattacapi.

    5. Reinterpretare il ruolo del Content Manager

    Serve liberarsi dell’idea che abbiamo di noi stessi. Troppo filosofico? Al contrario, estremamente pragmatico e con risvolti pratici sorprendenti.

    In conclusione, adottare un approccio zen al Content Marketing significa ampliare le prospettive e aggiungere valore alla propria strategia per raggiungere risultati migliori con una maggiore consapevolezza.

    Scritto da

    Chiara Sgarbi

    PR&Social Media

    Classe 1990, emiliana purosangue: nebbia fighter e tortellini maker. Tra Verona, Des Moines, Parma e Milano mi sono appassionata al marketing e ai suoi affascinanti volti e sono ... continua

      Condividi questo articolo


      Segui Chiara Sgarbi .

      Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it