Apple vuole farsi perdonare

Apple farà un aggiornamento iOS anti-rallentamento (e assumerà 20 mila nuovi lavoratori)

Il boss di Apple, Tim Cook, ha dichiarato che sarà possibile disabilitare i rallentamenti, e ha annunciato 20 mila nuovi posti di lavoro (grazie alla legge di Trump)

Sono state le sue prime dichiarazioni dopo lo scandalo delle batterie e degli iPhone rallentati, dopo le scuse di Apple e dopo che la stessa Cupertino ha offerto batterie scontate di 50 dollari per tutto il 2018. Tim Cook, AD della compagnia della mela morsicata, ha rilasciato un’intervista ad ABC news: si è scusato di nuovo e ha annunciato che Apple rilascerà dal mese prossimo un aggiornamento software di iOS che consentirà agli utenti di controllare se i loro iPhone vengono automaticamente rallentati e di disabilitare la limitazione delle prestazioni della batteria sul proprio dispositivo. La beta per sviluppatori è prevista per i primi di febbraio, per la release pubblica bisognerà aspettare almeno fino marzo. Non solo.  Ha riconosciuto che Apple avrebbe potuto fare un lavoro migliore spiegando cosa stava facendo.

Più chiarezza sulle batterie

Cook ha anche spiegato che l’aggiornamento informerà più chiaramente gli utenti quando il loro iPhone riduce le sue prestazioni nel tentativo di prevenire arresti imprevisti. “Se non lo vuoi, puoi spegnerlo”, ha ribadito.

L’iPhone volutamente rallentato

La vicenda dei rallentamenti dell’iPhone era stata sollevata, il 18 dicembre, da Primate Labs, società che sviluppa un’app per la misurazione delle prestazioni dell’iPhone, che aveva confermato il dato dopo alcuni test. Apple è finita così nel mirino perché avrebbe rallentato senza preavviso gli iPhone, per compensare le scarse prestazioni della batteria. Con il sospetto che questo avrebbe spinto gli utenti, che si sono trovati davanti a prestazioni lente e a crash (in alcuni casi anche a spegnimenti), ad acquistare un nuovo telefono, anziché una batteria nuova, sostituibile per un frazione del costo. Alla fine dell’anno Apple ha offerto la possibilità (fino al 31 dicembre 2018) di sostituire la batteria degli iPhone 6 e modelli successivi a 29 dollari invece di 79.

apple

Tim Cook, (CEO Apple). Credits ABC News

La nota di Cupertino

L’intervista di Cook al broadcast televisivo statunitense segue di poche ore la nota sull’annuncio che Cupertino sui 38 miliardi di dollari che la società pagherà sui profitti guadagnati all’estero, sui nuovi investimenti negli Stati Uniti e sulla creazione di 20 mila nuovi posti di lavoro (impatto economico complessivo stimato sui 350 miliardi di dollari).

Il tweet di Trump

Come ha commentato Cook? Ha detto che la decisione di assumere così tanti nuovi lavoratori è stata solo parzialmente stimolata dalla legge fiscale che il presidente Trump ha firmato il mese scorso.  Ma il presidente degli Stati Uniti ha un’altra opinione in merito.