Scenari

Un po’ di scenari sul destino di Twitter nel 2018

Dopo un 2017 in negativo, proviamo a capire se la piattaforma dei cinguettii riuscirà a resuscitare dalle sue stesse ceneri

Daniela Chiorboli
Daniela Chiorboli

Social Media Strategist @ DigitasLBi

Strategie di comunicazione e strumenti per il Social Media Management. Scopri il Master Online in Social Media Marketing + Social Factory di Ninja Academy: a 60 ore di didattica online puoi abbinare un percorso pratico a Milano e Roma.

Sicuramente molti di voi, leggendo il titolo di questa terza puntata della nostra “inchiesta” sui trend social del prossimo anno, si saranno chiesti se fosse utile parlare del futuro di Twitter: la piattaforma cinguettante ha passato un 2017 davvero difficile e alcuni esperti del settore preannunciano la sua fine nel breve periodo.

TwitterA

LEGGI ANCHE: Raddoppiare i caratteri e tutti gli altri errori di Twitter, spiegati senza giri di parole

Nonostante un primo trimestre in timida ripresa – con un aumento di 9 milioni di utenti attivi al mese – Twitter non è riuscito a mantenere il trend positivo e ha subito una battuta di arresto, con una diminuzione degli utenti attivi in USA (il Paese dove la piattaforma è più utilizzata a livello globale).

Nell’ultimo trimestre Twitter ha provato a rinnovarsi sotto diversi aspetti e il cambiamento più impattante è stato sicuramente il passaggio da 140 a 280 caratteri disponibili per i tweet. Questa mossa strategica però non è stata accolta con molto entusiasmo dagli utenti, che l’hanno interpretata come un disperato tentativo di “salvarsi la vita” cercando di omologarsi a Facebook.

La situazione è davvero così tragica? Cerchiamo di capire quali possono essere le previsioni 2018 per Twitter.

twitter1

Potenziamento dei servizi di Assistenza Clienti

Twitter è sempre stato un canale predisposto al customer care grazie alla sua immediatezza: i dati raccolti da recenti studi di settore confermano la preferenza degli utenti nell’utilizzo di questa piattaforma per comunicare in tempo reale con brand e aziende.

TwitterB

Negli ultimi mesi Twitter ha rafforzato questo servizio tramite l’introduzione di nuove feature a disposizione dei profili business, come ad esempio le Direct Message Card personalizzabili che si basano sull’utilizzo di BOT per rispondere in automatico ai messaggi privati degli utenti (funzione attiva su Messenger già da diverso tempo), rilasciata nel mese di Maggio.

Ma l’introduzione dei BOT non è l’unico modo in cui Twitter può potenziare i servizi di Assistenza Clienti: la natura stessa del social media lo rende la piattaforma perfetta per il Customer Care. L’obiettivo per il 2018 quindi è facilitare la comunicazione tra gli utenti e i brand, tramite il miglioramento e l’introduzione di nuovi business tool.

LEGGI ANCHE: Facebook Messenger, il decalogo per il customer service

Miglioramento dell’algoritmo del feed Explore

Sicuramente Twitter ha bisogno di migliorare l’algoritmo di targeting del feed Esplora, introdotto a Gennaio 2017, per garantire ai propri utenti contenuti più rilevanti rispetto ai loro interessi.

TwitterC

A settembre la piattaforma ha lanciato una nuova funzione denominata “Articoli popolari” che mostra agli utenti i contenuti più condivisi e apprezzati dai propri following, oltre alle ultime news in relazione alla posizione (scelti grazie alla funzione di geotargeting). Questa scheda somiglia molto a Nuzzel, un’applicazione particolarmente utilizzata in USA che raccoglie e mostra notizie basate sugli interessi degli utenti, vista come un modo utile per ridurre il “caos” della timeline di Twitter o del News Feed di Facebook.

In un prossimo futuro Twitter potrebbe introdurre un ulteriore aggiornamento in stile Reddit, ovvero una sezione “Top Tweets” per segmentare maggiormente le categorie e rendere il feed Explore più pertinente.

LEGGI ANCHE: Come funziona la timeline di Twitter?

Riflettori puntati sul formato Video

Siamo a Maggio quando Twitter annuncia ufficialmente sul suo blog il lancio di 16 offerte di contenuti in Live Streaming relativi a sport, show, news e intrattenimento; la maggior parte di questi spettacoli, tuttavia, richiedeva un impegno pubblicitario sostanzioso da parte degli inserzionisti. Dopo circa 4 mesi sembra che la piattaforma sia riuscita a raggiungere la cifra necessaria per cominciare a trasmettere questi show, come ad esempio la Major League di Baseball.

Da questa notizia possiamo intuire che nei prossimi mesi Twitter investirà molto per spingere il più possibile il formato Video. Ad esempio attraverso la nuova notifica “Happening Now” – annunciata il mese scorso e disponibile per ora solo in USA – che tramite un alert nella timeline che avvisa l’utente dell’inizio di una diretta streaming o di un evento in corso in quel momento (ovviamente anche questa notifica è personalizzata in base agli interessi e alla geolocalizzazione).

LEGGI ANCHE: Come creare un video di successo, in 9 mosse

Nel complesso il futuro di Twitter non sembra molto roseo, ma rimane comunque una delle piattaforme chiave utilizzate dai brand in tutto il mondo per comunicare con i propri followers.

Quali cambiamenti, invece, ci riserverà il social media più business di tutti, ovvero LinkedIn? Lo scopriremo nella prossima puntata della nostra “inchiesta”!