Utility

I dati ci aiuterebbero a vendere di più e meglio, se li raccogliessimo

I marketers investono sempre di più in strategie per raccogliere dati che consentano di personalizzare la user experience e la comunicazione con il cliente

Rosanna Crocco

Vice Editor Business Marketing @ NinjaMarketing

Strategie e piattaforme per vendere online. Scopri il Corso in eCommerce Management di Ninja Academy, formula online + aula pratica (opzionale) a Milano.

La personalizzazione è un fenomeno ormai diffuso nel Marketing che sembra riuscire migliorare il rapporto con il cliente. Come non citare questi brand che hanno fatto della personalizzazione il proprio cavallo di battaglia: Nutella dal barattolo con il proprio nome a quello con le iniziali per dire tutto ciò che vuoi, Liu Jo che permette di personalizzare il tuo jeans con le emoticon, Neonato che dà la possibilità a tutte le mamme di creare la propria carrozzina e Coca-Cola, probabilmente il brand per eccellenza quando trattiamo questo argomento.

In questi casi parliamo di attività di marketing legate alla personalizzazione di prodotto, ma quanto è importante legare a queste attività anche messaggi altrettanto personalizzati?

I dati aiutano

Diversi studi dimostrano che la personalizzazione aiuta ad attirare nuovi clienti. Già nel 2014, grazie ad un sondaggio di Yahoo!, si è registrato che le attività di comunicazione legate alla personalizzazione risultano più coinvolgenti, più “educative” e più durature nella mente del consumatore e/o cliente. In questo caso ci riferiamo alla personalizzazione degli utenti, oggi resa possibile grazie ai numerosi dati che le aziende possono avere a disposizione.

Così i marketers usano i dati per la personalizzazione dell'esperienza dell'utente

È ovvio che, per essere davvero coinvolgenti, queste attività (e le comunicazioni ad esse legate) devono essere in target: il rischio è quello di generare comportamenti sfavorevoli o irrilevanti per il marchio. Ecco perché molti marketers hanno deciso di aumentare il proprio budget digitale proprio a favore delle attività di personalizzazione, per arrivare sempre di più alla persona giusta nel momento giusto.

LEGGI ANCHE: Ricerca vocale e per immagini: la nuova frontiera (o barriera) della pubblicità

Più personalizzi più converti

Da un recente report di Econsultancy e RedEye risulta che una strategia di marketing personalizzata, sui canali online, registra tassi di conversione molto più elevati.

Ad esempio i dati utilizzati per personalizzare un sito portano ad un incremento dei tassi di conversione del 36%, sui social media del +28% e anche le email personalizzate sembrano convertire del + 27%. Mica male, no?

Questi dati aprono ad una riflessione: a volte non è necessario arrivare a tutti, ma è indispensabile arrivare al pubblico adatto e realmente interessato a ciò che siamo e a ciò che comunichiamo.

Scritto da

Rosanna Crocco

Vice Editor Business Marketing @ NinjaMarketing

Classe 1987; cresce ad Acri, un paesino in provincia di Cosenza. Una Laurea in Economia Aziendale ed un Master in Marketing Management le permettono di studiare ed approfondire ... continua

Condividi questo articolo


Segui Umeka su Twitter .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it