Business

La sfida di Apple a Netflix e Amazon sui contenuti TV

In previsione dieci contenuti originali per iniziare a competere con gli altri grandi servizi in streaming

Kurosawa
Federico Gambina

Web Editor & Social Media Specialist

La notizia è di quelle che non sorprende. Non sorprende principalmente perché il trend è in forte crescita, già da un po’ di tempo, e l’azienda di Cupertino ci ha abituati al suo voler primeggiare su tutti i fronti. Infatti in Apple sarebbero pronti a realizzare i primi contenuti TV originali entrando in un mercato già abbastanza affollato e competitivo.

In che modo? Scopriamolo.

Apple programmi TV: l’operazione

Apple è pronta a produrre programmi TV originali

Si tratta di un’operazione che porterebbe alla realizzazione di dieci programmi televisivi che verrebbero trasmessi sul loro servizio di streaming musicale o su una nuova piattaforma video da sviluppare.

Il budget è di quelli cospicui: secondo indiscrezioni, rivelate dal Wall Street Journal non molto tempo fa, l’investimento sarebbe di un miliardo di dollari circa. Per intenderci si tratta di circa la metà di quanto speso da Time Warner nel 2016 per il canale HBO, quello di Game of Thrones.

Il progetto era stato più volte annunciato da Eddy Cue, visionario dirigente Apple, il quale gestisce già il budget da 24 miliardi di dollari dei servizi Apple, incluso iTunes.

LEGGI ANCHE: Facebook lancia Watch Tab: la nuova feature che reinventa l’esperienza video

Il mercato dei contenuti media negli USA

Apple è pronta a produrre programmi TV originali

Come dicevamo all’inizio, il mercato dei contenuti media negli USA si sta facendo abbastanza affollato. Basterà citare Amazon e soprattutto Netflix per rendersi conto della sfida intrapresa da Apple.

Sfida che dovrà necessariamente essere combattuta a colpi di contenuti di qualità. Apple occupa già una posizione di leadership nel panorama musicale, ma per poter ottenere lo stesso risultato in ottica TV streaming dovrà necessariamente lavorare alla realizzazione di nuove serie “virali”, vedi Narcos.

Certamente con Jamie Erlicht e Zack Van Amburg a bordo, ex dirigenti di Sony Pictures a cui si devono serie come Breaking Bad e The Crown, il team Apple ha fatto un salto di qualità importante in ottica TV streaming; i due infatti avranno il compito di gestire il budget messo a disposizione dall’azienda di Cupertino.

I primi esperimenti non sono andati granché. Stiamo parlando di Planet of Apps (reality in 10 episodi incentrato sul mondo degli sviluppatori di app) e Carpool Karaoke (serie dedicata alla musica, abbastanza nota anche in Italia), programmi lanciati da Apple che sono stati vittima di diverse critiche da parte degli spettatori.

Quello che ci aspettiamo a questo punto è il salto di qualità definitivo, magari con una serie in pieno stile Winter is Coming.