Tech

400 panini all’ora nei fast food? Con un robot, addio al lavoro umano

Arriva BurgerBot, la macchina realizzata da Momentum Machine pronta a superare qualsiasi record umano di velocità in cucina

Gloria Esposito

Web/SEO copywriter, SEM Specialist

Fare un’ordinazione nei fast food a breve potrà riservare qualche sorpresa: aspettando il cameriere, potreste essere colti da stupore quando vi renderete conto che no, non ci sarà nessun essere umano a prendere il vostro ordine, nessuno che vi chiederà: “tutto a posto, il servizio è stato di vostro gradimento? Buona giornata!”.

In sostituzione, infatti, del ragazzo che in cucina si occupa di realizzare i panini e prendere le ordinazioni, ci sarà un robot, per la precisione BurgerBot, la macchina realizzata da Momentum Machine in grado di produrre 400 hamburger all’ora (con il ben servito a qualunque essere umano pensasse di essere in questo un campione in velocità).

Robot Momentum Machine

Momentum Machine

Il BurgerBot rappresenta una vera e propria rivoluzione nel campo dell’automazione in cucina, aprendo la strada a quello che sarà probabilmente il nuovo concept del futuro: il fast food automatico.

La macchina, infatti, è in grado di essere totalmente indipendente, realizzando panini adeguatamente farciti (affetta, griglia, taglia, riempie) e imbustati, pronti per essere serviti ai clienti. Ogni panino, inoltre, sarà sempre esattamente in linea con le richieste (“non avevo chiesto la maionese!”) e altamente personalizzato in base ai propri gusti, perché non saranno contemplati errori da parte delle macchine.

LEGGI ANCHE: Mya, arriva il chatbot anche per i colloqui di lavoro

Il primo fast food al mondo con solo robot in cucina

Momentum Machine, una startup americana, è riuscita ad ottenere finanziamenti per 18 milioni di dollari  – tra gli investitori figura anche Google Ventures – nel 2012, per realizzare il prototipo e aprire il primo locale al mondo senza nessuna professionalità “umana” nelle sue cucine.

Sarà inaugurato a San Francisco a breve, anche se la data esatta ancora non è stata confermata.

Il co-fondatore di Momentum Machines, Alexandros Vardakostas, aveva già spiegato alla stampa nel 2012:

“La nostra tecnologia non è fatta per rendere più efficienti i dipendenti ma per ovviare a loro.”

Dal punto di vista dei proprietari delle catene di fast food, l’introduzione di BurgerBot significherebbe la possibilità concreta di ridurre i costi relativi al lavoro e a tutta la burocrazia connessa ai dipendenti; dall’altro lato, un effetto non secondario – probabilmente – potrebbe essere quello di aumentare la perdita di posti a causa della sostituzione del lavoro da parte dell’AI e dei robot.

LEGGI ANCHE: Con la memoria condivisa, i robot imparano da altri robot