Iger of the Week

Instagramer of the Week: intervista a Michele Grimaz

Inauguriamo la nuova rubrica con la testimonianza di Michele Grimaz, iger amante della fotografia con oltre 100k follower

Una volta erano i blogger, adesso sono gli instagrammers le vere star della rete. Geniali, estrosi, provenienti da mondi diversi tra loro ma uniti dalla capacità di entrare nelle vite di centinaia di migliaia di follower che, attraverso la rete, ne seguono la vita quotidiana attraverso gli scatti pubblicati. Intorno a questa figura, così caratteristica del tempo in cui viviamo ma allo stesso tempo ancora poco conosciuta, aleggiano moltissime domande.

Come vive un Instagramers? Che professione svolge con esattezza? Come trascorre le sue giornate?

Queste sono solo alcune delle domande che forse avrete sentito fare e a cui forse anche voi non avete saputo rispondere.

Per questo abbiamo deciso di lanciare una nuova Rubrica, Instagramer of the Week, che ospiterà i racconti delle vite straordinarie di persone ordinarie che hanno successo in rete. Attraverseremo l’Italia per scovare Igers di successo e per raccogliere testimonianze della loro vita quotidiana, dalle loro passioni e per cercare di carpire il segreto del loro successo.

Inauguriamo questo nuovo spazio con un’intervista a Michele Grimaz, giovane friulano appassionato di fotografia, che racconta ai suoi oltre 100,000 follower su Instagram la sua vita e la splendida Regione in cui vive attraverso foto che virano principalmente sui toni del blu.

Igers of the Week: intervista a Michele Grimaz

Ciao Michele, per cominciare, ti racconti con 3 hashtag?

#Blu: Il Blu è sempre stato il mio colore preferito ed ha predominato in tutte le immagini che ho caricato sul mio profilo instagram.

#Fvglive /#IgersFVG: Sono i principali hashtags legati alla mia regione che dalle Alpi al mare vanta innumerevoli paesaggi meravigliosi e spesso sono il soggetto principale delle miei fotografie.

#MigheleIn… : Instagram a mio avviso ha sempre avuto una grande mancanza ossia la possibilità di organizzare le foto per categoria. Io ho provato ad organizzarle con degli hashtags personali, ad esempio i luoghi che mi capita di visitare più spesso: #MigheleInTrieste, #MigheleInZagreb, #MigheleInVenice…

Come organizzi la tua giornata tipo?

Ho la grandissima fortuna di poter decidere come dedicare il mio tempo e al momento ho due occupazioni principali. Il mio profilo instagram, che negli anni si è rivelato in più occasioni un lavoro vero e proprio e un progetto di serigrafia artigianale a Trieste, Dezen Dezen, che da poco è anche un laboratorio fisico in città. Entrambi le attività sono due grandissime passioni che spesso mi portano a viaggiare, studiare, incontrare moltissime persone e confrontarmi con l’esterno. Ogni giornata non è mai uguale alla precedente ma cerco di adattarmi alla mole di lavoro e all’umore litigando sempre e comunque con la sveglia!

Quali sono i tuoi segreti per superare i 100K follower?

Non l’ho capito neanche io, Instagram è cambiato molto negli ultimi mesi e continua ad evolvere, di conseguenza è difficile parlare di strategie. Vivo in una regione bellissima, il Friuli Venezia Giulia che compare nella maggior parte delle mie foto ed ho sempre una grande risposta quando condivido i paesaggi del territorio, non solo dai miei connazionali ma anche dall’estero.

Nelle tue foto c’è spesso la città di Trieste: c’è qualcosa della tua essenza che credi di non essere riuscito ancora a rappresentare?

Trieste è una città particolarissima e ricca di dettagli, storia e angoli nascosti, vivo qui ormai da 3 anni e ancora non ho imparato a gestire tutti questi elementi nella fotografia. Fortunatamente basta girare la testa e ritrovo la linea dell’orizzonte sul mare che rimane sempre il mio background preferito per scattare fotografie.

Quale foto vorresti scattare da qui ai prossimi 5 anni?

Dei soggetti precisi non mi vengono in mente ma vorrei concentrarmi di più sulla tecnica. Mi sono avvicinato cosi tanto alla fotografia grazie alla fotocamera del mio smartphone ma ora sento sempre più l’esigenza di avere maggiore controllo sulla scena che mi trovo davanti. Sicuramente nei prossimi 5 anni la fotografia non sarà solo una passione ma anche una materia da studiare.

 

Segui mighele_ su Instagram!