Life

In Finlandia è stata creata una GIF della durata di 1000 anni

L'artista finlandese Juha Van Ingen ha creato un'opera d'arte integrando i mezzi digitali, creando un ambizioso progetto da tramandare alle prossime generazioni

Se si fa un giro sulla propria home di Facebook, è più che normale imbattersi in un’enorme quantità di GIF animate di ogni tipo, create per divertire e intrattenere un utente. Ma se le GIF diventassero arte?
Quando ci si trova davanti a opere di arte contemporanea, spesso possono risultare difficili da comprendere; a volte, addirittura, sembra complicato perfino riuscire a definire “arte” certi oggetti o rappresentazioni. Negli ultimi anni, inoltre, sempre più artisti cercano di integrare la loro arte con i mezzi digitali, con risultati all’apparenza scadenti o, perlomeno, poco comprensibili, appunto.

Tuttavia, in un museo finlandese, ora è presente un’opera d’arte perfettamente influenzata dai mezzi digitali, la cui caratteristica risulta proprio quella di essere nient’altro che una GIF. Come ha fatto il suo creatore, l’artista Juha Van Ingen, a farla diventare “arte”? Realizzandola di una lunghezza pari a esattamente 1000 anni.

1000 anni GIF

L’installazione di Van Ingen, esibita al Museo di Arte Contemporanea a Helsinki, Kiasma (nella foto in anteprima), si chiama AS Long As Possible (ASLAP), ed è stata inaugurata simbolicamente quest’anno in concomitanza del centenario dell’indipendenza finlandese. La GIF in sé non è graficamente molto accattivante, dato che consiste solamente in 48,140,288 frame di numeri bianchi su uno sfondo nero. ASLAP, infatti, mostra solamente un frame di un numero per dieci minuti, prima di passare al numero successivo, con l’obiettivo di raggiungere la fine nell’anno 3017.

aslap-doc-web-L-796x597

Un lavoro sicuramente di notevole ambizione, di cui l’artista finlandese va molto orgoglioso. Egli infatti pone affidamento sulle prossime generazioni, su cui cadrà la responsabilità dell’opera d’arte, della quale dovranno avere molta cura. Lo stesso artista, comunque, spera che questa «piccola candela digitale» rimanga accesa per 1000 anni senza alcun problema. Kiasma vuole contribuire a questo obiettivo, facendo sì che l’opera d’arte continui a funzionare anche dopo la sua esibizione, negli archivi del museo.
L’artista, tuttavia, si è voluto tutelare ulteriormente: il file di ASLAP ha più di una copia e viene fatto girare simultaneamente su diverse unità riproduttive, tutte sincronizzate e possibili da utilizzare per essere esibite al pubblico. Se una delle unità dovesse venire distrutta da una catastrofe, o se risulterà esserci il bisogno di essere aggiornata dal punto di vista del software, verrà costruita una nuova unità fisica, e il file animato verrà sincronizzato con le altre unità. Se tutte le unità riproduttive vengono distrutte, esiste una speciale capsula che contiene la descrizione dell’opera d’arte, le specifiche della GIF, il file originale .gif e i documenti necessari, inclusa una copia stampata del codice per generare un nuovo file. Non dovrebbero esserci problemi, quindi, per conservare al meglio quest’opera unica nel suo genere.

Van Ingen, inoltre, è costantemente alla ricerca di musei o organizzazioni culturali interessate a collaborare nell’offrire o trovare un posto sicuro per la conservazione di unità di riproduzione della sua opera, oltre che alla sua speciale capsula “salva-ASLAP”.