Web Design

Brand Experience e User Experience: due linguaggi diversi, un unico consumatore

Il futuro del branding è affidato anche alla User Experience: ecco come costruire un'interfaccia innovativa per trasmettere un'emozione e il nostro messaggio chiave

Maria Vittoria Tinti

Vice Editor Business Marketing @ NinjaMarketing

“Quando c’è equilibrio tra funzionalità ed emozioni, l’una amplifica l’altra determinando il tuo successo”.

Appassionati del mondo digital e professionisti del settore, quante volte ti è capitato di dover analizzare singolarmente, Brand Experience e User Experience? Quante volte ti sei chiesto se l’una possa prescindere dall’altra?

Molto spesso accade che brand e UX non siano integrate tra loro, ma che viaggino su due binari totalmente differenti, con un approccio non del tutto corretto.

Pensa ad esempio ad una campagna emozionale, nuova e coinvolgente. Bene, ora proviamo ad inserirla all’interno di un eCommerce in cui il contenuto sviluppato dal brand non è in linea con il layout, l’esperienza è confusa, in consumatore non vede riflesso il messaggio di innovazione anche all’interno delle listing page.

Ora immagina una piattaforma completa, smart nell’utilizzo, facile da comprendere, in poche parole 100% user friendly: quale sarebbe la reazione di un consumatore se si trovasse davanti invece degli asset brand distonici, poveri e che non parlano lo stesso linguaggio del contenitore?

In entrambi gli esempi appare chiaro come non siano due diverse tipologie di esperienza, ma due facce della stessa medaglia.

Analizziamo insieme un’ipotetico customer journey all’interno del sito e il modo in cui User e Brand Experience possano aiutare la piattaforma a raggiungere il successo.

LEGGI ANCHE: Google cerca di rilanciare gli SMS con la tecnologia RCS

Homepage

Brand Experience e User Experience: due linguaggi diversi, un unico consumatore

Brand Experience

La homepage è la prima vetrina del brand online. Diventa dunque fondamentale che vi sia contenuto un messaggio chiaro, indirizzato al target a cui puntiamo e quali sono le emozioni che vorremmo esprimere.

In questo caso il brand dovrà fornire i propri contenuti, tenendo sempre in considerazione come il consumatore interagirà con essi e come verranno percepiti all’interno del contenitore online (il sito web).

Non dimenticare mai che un’advertising offline è molto differente da un contenuto digitale online: sarebbe dunque opportuno investire su asset che parlino lo stesso linguaggio del canale online, in cui il prodotto sia chiaro, visibile, interattivo ed emozionale.

User Experience

In questo caso la homepage è, molto spesso, il punto di partenza del viaggio di acquisto del consumatore. In questa fase è fondamentale essere chiari ed avere bene a mente il percorso da far seguire per ottenere la conversione.

Poche call-to-action, chiare e concise contribuiscono a far affermare: “sì, è quello che sto cercando”.

Listing Page

Brand Experience e User Experience: due linguaggi diversi, un unico consumatore

Brand Experience

Non è corretto pensare che la parte più commerciale di un eCommerce non sia comunque toccata dal brand. Sebbene infatti l’obiettivo delle product listing page sia quello di far scoprire la gamma di prodotti disponibili, in questo caso il marketing avrà la possibilità di continuare a comunicare il messaggio, introdotto in precedenza, rafforzandolo con nuovi contenuti per tenere viva l’attenzione del consumatore.

User Experience

L’interattività è oggi una delle armi più importanti per migliorare la funzionalità e, dunque la percezione, del nostro potenziale consumatore.

Si può sia intraprendere la strada della semplicità, pensando a layout chiari puliti che garantiscano una semplice interazione, oppure strutturare esperienze più complesse attraverso video e gif. Un consumatore attivo sul nostro sito è un potenziale acquirente coinvolto, che interagisce e si sente il reale protagonista di un’esperienza.

Non dimenticare la SEO: ad oggi infatti Google indicizza in modo migliore siti con una usabilità all’avanguardia.

Product Page

Brand Experience e User Experience: due linguaggi diversi, un unico consumatore

Brand Experience

Il ruolo del marketing diventa chiave in questa fase per invogliare l’acquisto. Gli strumenti sono diversi e dipendono dalle tendenze e dai comportamenti del nostro target.

Ad esempio, per un consumatore più giovane, sarebbe un’opportunità mostrargli diversi contenuti pubblicati dagli influencer del momento per passare un messaggio di coolness.

Per un consumatore più maturo, diventa invece indispensabile dare un’idea di look e su come indossare in modo casual un determinato capo, oppure puntare sulle funzionalità e su quali benefit trarrà dall’acquisto del prodotto.

LEGGI ANCHE: 4 aziende che hanno aumentato la loro Brand Awareness grazie a sticker e packaging

User Experience

Nel caso della product page sono diversi e numerosi gli interventi attuabili. Il primo, più evidente, è disegnare una pagina prodotto che sia emozionante ma anche funzionale, fornendo in modo chiaro e facilmente reperibile le informazioni di cui un consumatore ha bisogno.

Inoltre ciò che fa la differenza, al giorno d’oggi, è la qualità del servizio; non è sufficiente comprare online ma anche l’esperienza fornita dalla conferma dell’ordine al suo arrivo, passando per il packaging, sono elementi piccoli ma determinanti per il consumatore.

Fondamentale dunque far coesistere questi due aspetti e… misurare, misurare e misurare! Perché solo così potrai crescere, testare e trovare nuove soluzioni vincenti.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?