Advertising

“Mio marito russa” e altri prodotti IKEA rinominati in base alle ricerche su Google

Nella nuova campagna "Retail Therapy" ritroviamo il tono sempre delicato ed ironico del grande brand svedese

Strategie di comunicazione e strumenti per il Social Media Management. Scopri il Master Online in Social Media Marketing + Social Factory di Ninja Academy: a 60 ore di didattica online puoi abbinare un percorso pratico a Milano e Roma.

Per la sua nuova campagna in Svezia, IKEA ha rinominato i suoi prodotti cercando di rispondere così alle numerosissime ricerche degli utenti svedesi effettuate su Google sulle situazioni di crisi familiare.

Insieme all’agenzia Akestam Holst, Ikea ha analizzato i luoghi nei quali la vita accade davvero e creato una campagna interattiva che non parlasse solo di case, ma dei problemi della vita di tutti.

ikea_google

Schermata 2016-12-09 alle 13.11.12

ikeatherapy3ikeatherapy2 Ricorda un po’ la recente campagna McDonald’s Iconic Product, realizzata da Leo Burnett e premiata agli ultimi Epica Awards, ma la nuova campagna Ikea pensata per il mercato svedese aggiunge qualcosa di più importante alla semplice idea di promozione del proprio catalogo di prodotti.

Con il suo tono sempre delicato e ironico, ci dice “Noi ci siamo e siamo vicini a voi ogni giorno!”.

Così quando decidiamo di cercare su Google la soluzione a “un marito che russa troppo” o che “non sa dirmi che mi ama”, Ikea risponde con un risultato appropriato selezionato tra i propri prodotti.

ikeatherpy1

La terapia del retail di Ikea, tra SEO e advertising

La soluzione è l’IKEA “Retail Therapy“.

Un divano più comodo per non litigare dopo una notte insonne, una lavagna per spingere il fidanzato reticente a esprimere i suoi sentimenti, un paio di forbici per stimolare la creatività del bambino che passa troppo tempo davanti ai videogame, una lampada in stile disco per far restare in casa la figlia che fa tardi ogni sera.

La risposta del brand di mobili e prodotti per la casa ai problemi di tutti i tipi di famiglie che oggi troviamo nella società era già partito lo scorso settembre con un spot commovente nel quale un bambino, figlio di genitori divorziati, ritrovava la sua serenità nella cameretta, identica, grazie ai mobili Ikea, sia a casa di mamma che di papà.

LEGGI ANCHE: La campagna di Pocket Coffee dedicata alla “gente della notte”

Forse i prodotti Ikea non risolveranno il problema, ma certamente i risultati faranno sorridere gli utenti in cerca di soluzioni, che magari proveranno a considerare con più leggerezza i piccoli problemi quotidiani.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?