Business

Startup trend, ecco i business che interessano ad Apple

Continua l'interesse di Apple per il settore della salute, in arrivo nuove funzionalità per gli Apple Watch

Kurosawa
Federico Gambina

Web Editor & Social Media Specialist

Il Digital Marketing per chi lavora nell’Healthcare Marketing: Scopri il Master Healthcare Marketing di Ninja Academy.

Nonostante la bufera europea, Apple continua senza sosta ad acquisire piccole imprese innovative.

L’ultima arrivata è Gliimpse, startup fondata a Redwood City, California, nel 2013 da Anil Sethi, ex ingegnere Apple negli anni ’80, specializzata nella gestione e condivisione dei dati medici personali dei pazienti.

La startup è nata da un’esigenza personale. Sethi ha dovuto assistere la sorella malata di cancro, testando personalmente le difficoltà per i malati cronici nell’acquisire e gestire i dati relativi alla salute personale. Da qui è nata l’idea di creare Gliimpse.

Startup trend, ecco quelle che interessano ad Apple

L’interesse di Apple per la startup di Anil Sethi è dovuto, molto probabilmente, a quest’ultima caratteristica. In termini pratici, si tratta di una serie di app che raccolgono informazioni provenienti dagli esami di laboratorio e che monitorano alcuni parametri. L’obiettivo primario delle app è quello di creare un archivio facilmente consultabile sia dai pazienti interessati sia dal personale medico specializzato.

LEGGI ANCHE: Come Apple e Spotify si contendono il mondo della Musica

La notizia dell’acquisizione è stata recentemente diffusa dal sito specializzato Fast Company, nonostante si tratti di un’operazione conclusasi a inizio 2016 i termini dell’accordo non sono stati ancora resi noti da Apple.

Le strategie di Apple

Si conferma l’interessamento del colosso di Cupertino per il settore della salute. Basti ricordare la creazione della suite composta da: HealhtKit, CareKit e ResearchKit, che consentono a pazienti, medici e ricercatori di accedere ad informazioni sanitarie tramite l’utilizzo di una serie di dispositivi mobile.

Con molta probabilità le tecnologie della startup di Sethi verranno utilizzate per implementare le funzionalità delle nuove generazione di Apple Watch. Si tratta indubbiamente di un passo avanti dal punto di vista dell’accessibilità, occorre però sottolineare che si potrebbero sollevare questioni legati alla privacy e alla sicureza di dati altamente sensibili che potrebbero essere raccolti e utilizzati da chiunque.

Il punto sulla bufera europea ai danni di Apple

apple_tim_cook

Nel frattempo nella giornata di ieri è emersa la notizia che Apple abbia avuto un trattamento fiscale di favore da parte del governo irlandese. Le cifre sono importanti, si parla di un importo pari a 13 miliardi da restituire allo stesso governo irlandese.

Nonostante la sfera fiscale sia di competenza nazionale l’UE è intervenuta perchè ha riconosciuto una distorsione della concorrenza. In buona sostanza Apple ha avuto un trattamento di favore rispetto ad altre imprese ed è ora tenuta a restituire quelli che si possono considerare “aiuti di stato illegittimi”.

Il ricorso alla Corte di Giustizia europea non si è fatto attendere. In una lettera ai clienti apparsa sul sito dell’azienda di Cupertino, Tim Cook sostiene che la verità sia un’altra: “Non abbiamo mai chiesto né ricevuto un trattamento speciale”. Rimane alto il rischio di gravi conseguenze sugli investimenti e sui posti di lavoro in Europa.

Staremo a vedere come si evolverà la situazione.

VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?