Intervista

L’importanza della local search nel settore ristorazione

Lo sviluppo di strategie digitali per incentivare il mercato secondo un SEO strategist che ha fatto della local search l'epicentro della sua professione

Alessio Sarnelli

Editor, Copywriter e Community Manager

Le novità della disciplina per aumentare la tua visibilità online. Scopri il SEO & SEM Update, il nuovo corso intensivo della Ninja Academy per aggiornare le tue skill in un lampo.

Alcuni settori dell’economia, come per esempio quello della ristorazione, negli ultimi tempi stanno scoprendo un nuovo ramo del digital marketing che può costituire, se usato con giudizio, un fattore di crescita senza uguali nella capacità di intercettare possibili avventori.

Parliamo della Local Search, uno strumento che ha consentito un’esposizione sino ad ora impensabile a molti esercenti che per la promozione delle proprie attività faceva un uso massiccio, e spesso dispersivo, di strumenti di advertising offline.

Per darvi una prospettiva più tecnica di come la local search costituisca il futuro dell’advertising soprattutto per chi si occupa di cibo, abbiamo deciso di ospitare su Ninja Marketing Luca Bove, SEO specialist dell’agenzia IM Evolution,  relatore il prossimo mese ai Be-Wizard in quel di Rimini.

Luca-Bove

Ciao Luca, puoi raccontarci brevemente qualcosa di te ?

Lavoro come SEO specialist dal 2000 con l’agenzia IM Evolution. Ultimamente sono focalizzato principalmente sullo studio e sulla consulenza in ambito Local Search, ovvero come portare, tramite il digital marketing, più clienti nei negozi offline.

Data la tua lunga esperienza in ambito SEO, immagino ti siano capitati degli aneddoti divertenti, ci puoi raccontare quello più esilarante ?

Non so se sia esilarante, e nemmeno se sia un aneddoto a dir la verità, ma la cosa mi diverte e si è ripetuta diverse volte, anche in tempi recenti. Ci sono aziende, anche grandi e strutturate, che vedono le persone che fanno SEO come una sorta di maghi che possono risollevare le sorti di un’azienda, in tempi rapidissimi come se avessero una bacchetta magica, nonostante la competizione sia altissima.

L’attività SEO non viene ancora percepita come un processo aziendale trasversale che richiede molto tempo per produrre risultati e molti investimenti.

Sempre riguardo alla tua lunga e consolidata esperienza professionale, ci puoi raccontare l’epic fail più clamoroso che ti è capitato in ambito SEO/Local Search ?

Vi racconto di un epic fail, purtroppo ripetuto 4 o 5 volte da clienti differenti. Ti colleghi la mattina per controllare che tutto vada bene, oppure ti metti a fare il report e noti che ci sono un sacco di errori e incongruenze. Controlli il sito e ti accorgi che è stato aggiornato, che hanno cancellato intere sezioni importanti o è stato spostato su altro dominio senza avvertirti di nulla.

Eppure ero stato pagato per supportarli in queste fasi cruciali. Questo deriva principalmente dal fatto che si considera la SEO come un processo da applicare DOPO e non come parte integrante della promozione di un progetto fin dalle fondamenta costitutive.

Puoi anticipare ai lettori di Ninja Marketing di che cosa parlerai durante il tuo intervento a Be-Wizard ?

Sono nella neo-sezione FOOD e parlerò di Local Search per ristoranti, poiché questo settore merceologico è quello che più beneficia di questo strumento promozionale. La local search, di solito, per i ristoranti è lo strumento di marketing più importante.

Aggiungo ironicamente “nonostante gli operatori del settore” i quali, tranne poche eccezioni, disconoscono ancora il Digital Marketing.