Realtà virtuale

McDonald’s trasforma gli Happy Meal in visori VR

Happy Meal diventa Happy Googles, il device VR di McDonald's

Il famoso Happy Meal di McDonald’s si trasforma in un visore VR. E lo fa con stile! La notizia ha fatto il giro del mondo e nasce da un’iniziativa della catena americana di fast food che ha deciso di trasformare le red box dell’Happy Meal in… Happy Goggles!

L’idea alla base è semplice e immediata: dare una nuova vita (virtuale) alla scatola Happy Meal che da semplice contenitore di hamburger diventa un device handmade per la realtà virtuale. Degli occhiali rossi (con il classico sorriso giallo) nei quali è possibile inserire lo smartphone e immergersi totalmente nella realtà virtuale.

LEGGI ANCHE: L’esilarante risposta di Burger King al #McDriveKing

L’agenzia DDB Stockholm ha preso spunto da Google Cardboard, device di VR progettati come un mobile Ikea: lo acquistate sul sito internet, vi arriva a casa e non resta che montarlo seguendo le istruzioni (in inglese, non in svedese). Ad oggi sono state vendute più di un milione di Cardboard segno dell’interesse del pubblico a questo tipo di prodotto.

Google Cardboard

Non solo, anche i device più “sviluppati” come l’Oculus Rift hanno riscosso un grandissimo successo. Il modello firmato HTC Vive ha infatti venduto 15.000 pezzi in appena 10 minuti dall’apertura del pre-ordine. Un numero ancora più impressionante se consideriamo il prezzo di ogni device: 800$.

McDonald’s, con questa campagna, mixa sapientemente due elementi: da un lato la ricerca e l’interesse per la realtà aumentata e, dall’alto, il concetto di riutilizzo del packaging. Quest’ultimo concetto è già stato ampiamente sviluppato dai brand come, ad esempio, Pizza Hut che ha trasformato i cartoni delle sue pizze in proiettori per smartphone.

Pizza Hut proiettore

Ma con questa campagna l’azienda della M dorata fa un passo in più inserendo l’elemento ludico all’interno del progetto. Il 5 marzo, infatti, verrà lanciata un’app game che permette di simulare una classica giornata sulla neve tra stelline da conquistare e orsetti su snowboard da evitare.

Guardando il calendario la paura del pesce d’aprile è dietro l’angolo ma, come conferma Jeff Jackett (direttore marketing di McDonald’s in Svezia):

“Non è uno scherzo. Stiamo spingendo per confermare la nostra posizione in quanto società di fastfood moderna e evoluta”.

Inutile negare che l’idea è molto interessante non solo per i bambini ma anche per gli adulti che, con pochi euro, possono portarsi a casa un Happy Meal e un device di realtà virtuale firmato McDonald’s. Perfetto per guardare i video 360° di Google (ve ne consiglio alcuni qui) oppure per giocare con le app compatibili o, ancora, per andare sulle montagne russe.

Attualmente il progetto Happy Meal – Happy Goggle è previsto solo per il mercato svedese ma mai dire mai, non è detto che questo concept arrivi fino in Italia.