Week in social

Week in Social: tutte le novità ninja della settimana

Tumblr, Google Plus, Instagram, Twitter, Facebook: non manca più nessuno

Puntuale l’appuntamento con la rubrica “Week in Social”: anche la settimana che sta per concludersi ha portato un’ondata di novità in ambito social. I protagonisti sono sempre loro: Facebook, Twitter & friends che continuano a riempire le nostre giornate. Riuscire a stare al passo? Quasi impossibile.

L’unica soluzione è seguire la nostra #WeekInSocial ogni settimana.

weekinsocial_uno

In apertura, una brutta notizia per gli appassionati di Tumblr.  Il governo indonesiano ha deciso di chiudere il famoso sito di microblogging in quanto risulta essere l’unica piattaforma fra tutte ad autorizzare contenuti per adulti. La notizia lascia un po’ perplessi? Allora basti pensare che poco tempo fa, l’Indonesia aveva richiesto a tutti i social la censura delle emoticon fra personaggi dello stesso sesso.

È il momento di Instagram e della sua perenne battaglia a favore della privacy. Dopo aver accontentato tutti con il multiaccount, Instagram tenta di proteggere i suoi 400 milioni di utenti. È in fase di prova infatti un sistema di autenticazione a doppio fattore che richiede all’ utente una verifica attraverso l’inserimento di un codice. Queste sì che sono belle novità!

Poteva Twitter non riservare alcuna novità? Dopo essere stato il protagonista indiscusso del Festival di Sanremo con i suoi 2,8 milioni di tweet a riguardo, il social cinguetta da sé tutte le novità.  Basta essere un suo follower sul social per scoprire che presto saranno disponibili video all’interno dei messaggi diretti per Android e iOs.

Non solo, novità anche per quanto riguarda le GIF. Dopo un periodo di prova, gli utenti che vorranno personalizzare i propri tweet lo potranno fare attraverso un pulsante che favorirà l’inserimento. Ci piace!

Con i suoi 27 milioni di utenti made in Italy, la novità principale arriva dallo zio Facebook. No, non riguarda il recente studio pubblicato su Psychological Reports e riportato da The Indipendent che ha dimostrato che l’uso dei social network, ed in particolare di Facebook, ha gli stessi effetti sul cervello al pari delle droghe.

La vera novità è che dal 12 aprile verrà reso disponibile a tutti Instant Articles, ovvero lo strumento di pubblicazione a favore delle testate giornalistiche.

Leggi anche:  Instant Articles per tutti gli editori, di qualsiasi dimensione e provenienza

Cosa cambierà? In questo modo, Facebook diventerà un contenitore di informazioni e consentirà a blog, webzine, riviste online e a tutte le piattaforme editoriali di essere visitate all’interno della piattaforma stessa. Questo sistema veloce e facile non solo risponde al problema specifico dell’agevolare l’efficienza dell’accesso ai contenuti ma rientra in una grande strategia di marketing.

Chi ha detto che i social producono disinformazione? Waiting for 12 april!

Nel caso di Google Plus, non è chiaro se è bene o meno, parlare di novità. Il social di Google infatti, poco alla volta, riporta in auge vecchie funzioni che erano state scartate con l’aggiornamento di un paio di mesi fa. Ora, nella versione aggiornata 7.1 per Android, è però compatibile con i Chrome Custom Tabs.

Google-Plus-per-Android-7.1-620x330