Realtà Aumentata

La Realtà Aumentata di Magic Leap, la startup che vale $ 4.5 mld

Scopriamo insieme la startup di Realtà Aumentata più chiacchierata del momento

Magic Leap: tutto un programma il nome di questa startup su cui il colosso Alibaba ha investito in questi  giorni ben 793,5 milioni di dollari! E sembra proprio che Magic Leap abbia un qualche tocco magico se è riuscita ad ottenere questo e molti altri investimenti svelando veramente pochissimo del suo progetto.

Ma andiamo per ordine: Magic Leap è una startup fondata nel 2011 con sede principale a Dania Beach, in Florida, ma in questi anni ha aperto altre sedi: Santa Cruz, Los Angeles, Mountain View, Seattle, Austin, in Inghilterra, in Nuova Zelanda e in Israele.

magic_leap

Sta lavorando su un progetto che definisce “Mixed Reality”. Secondo Magic Leap sarà qualcosa di diverso rispetto alla realtà aumentata così come la conosciamo oggi: qualcosa che permetterà di vedere oggetti tridimensionali nella realtà che ci circonda, senza la necessità di un computer, di smartphone, tablet o smartwatch.

Ecco, questo è quanto! Non si sa altro sul progetto di Magic Leap: veramente in pochi – non è dato sapere chi, ovviamente -hanno avuto occasione di conoscere qualche aspetto in più di questa nuova tecnologia e solo questa demo mostra qualche particolare in più:

Tu dirai: “Ma chi è così matto da investire su un’azienda di cui non si conosce nulla? Su un video che sembra davvero poco autentico?”. Insomma, cosa giustifica tanto hype?

Sundai Pichai, CEO di Google, è impegnato in prima persona nel board della startup e Big G ha investito l’anno scorso 542 milioni di dollari nella startup; ma vi sono molti altri grossi investitori che hanno creduto in Magic Leap: parliamo ad esempio di Qualcomm Ventures, Warner Bros, Fidelity, J.P. Morgan, Morgan Stanley, T. Rowe Price e Wellington Management Co. Non ultimo, ricordiamo il sopracitato colosso cinese Alibaba, il cui vicepresidente Joe Tasi avrà un posto nel consiglio d’amministrazione della società. Totale del valore attuale di Magic Leap: 4,5 miliardi di dollari!

Il misterioso progetto di Magic Leap sembra essere più efficace della promessa stessa del prodotto: Magic Leap promette un potenziale.

Qui a Magic Leap stiamo creando un nuovo mondo dove le realtà digitali e fisiche senza soluzione di continuità si fondono insieme per permettere incredibili nuove esperienze

Questo è quanto ha affermato Rony Abovitz, fondatore, presidente e CEO di Magic Leap.

magic_leap

Proprio Abovitz non è nuovo a questi grandi progetti: nel 2013, ha venduto la sua azienda, Mako Surgical per $ 1,65 miliardi di dollari. È sicuramente un imprenditore che sa conquistare la fiducia dei suoi investitori!

Il 2016 è l’anno della Realtà Aumentata?

magic leap

È questa indubbiamente la scommessa di Magic Leap, che è riuscita a convertire nel suo sogno non soltanto gli investitori, ma anche lo studio di design  Weta Workshop , che per intenderci è lo studio che ha realizzato gli effetti speciali di film come Mad Max, The Hobbit e Godzilla. Anche lo scrittore di fantascienza Neal Stephenson ha scelto di collaborare al misterioso progetto.

I campi di utilizzo di questa nuova “Mixed Reality”, secondo Abovitz, non includeranno soltanto il gaming – che è oggi soprattutto il regno della Realtà Aumentata – ma anche la vita di tutti i giorni, dal lavoro al quotidiano domestico.

I tempi di consegna e i costi dei o del prodotto non si conoscono, sebbene Abovitz prometta che stanno muovendosi per concludere il tutto in tempi ragionevoli.

Stiamo costruendo qualcosa di meraviglioso e speciale – il cui scopo è quello di produrre un “campo luminoso digitale”  in armonia con voi stessi (con la vostra fisiologia, il vostro essere) – un fiume vivo di sculture di luce, in grado di trasmettervi una sensazione di magia, di esperienza e di presenza.

Abovitz promette una tecnologia rispettosa dell’apparato visivo umano, al contrario di quello che, a suo dire, può essere la più invadente tecnologia HoloLens di Windows.

Sarà questo il futuro della realtà virtuale? Il mondo diventerà davvero il nostro desktop o resterà solo fantascienza?