Evento

Open Summit di StartupItalia! Scopriamo le 10 finaliste e il vincitore

"Quello che secondo me unisce le squadre di questi 10 finalisti è la testardaggine: averci provato e insistito anche quando le cose non andavano benissimo". - Riccardo Luna

Fabio Casciabanca
Fabio Casciabanca

Editor Business Ninja Marketing

open-summit-startupitalia-startup-finaliste-vincitore

 

Nunzia Falco Simeone, Managing Editor di Ninja Marketing, ha raggiunto Riccardo Luna telefonicamente, per domandargli quale filo conduttore unisca le 10 top startup selezionate tra 100 iniziali.

Abbiamo scelto le startup finaliste non per simpatia, ovviamente, ma abbiamo chiesto le candidature a tutti gli investitori italiani, gli acceleratori e gli incubatori e abbiamo costruito una top 100.

Su quella top 100 abbiamo fatto una analisi del fatturato, dei risultati che avevano, dei dipendenti, degli investimenti che avevano avuto da parte di Ventur capitalist ed exit che avevano fatto e quindi poi l’elenco è venuto da solo, tutte startup ormai di grande livello: la più scarsa, fra virgolette, quest’anno ha fatto un round da 5 milioni di euro.

Sono startup che dimostrano che l’ecosistema italiano sta crescendo. Prima, per entrare nella top ten, bastava aver fatto un buon prodottino, adesso invece sei già un azienda che funzione e che crea lavoro e occupazione.

Quello che secondo me unisce le squadre di questi 10 finalisti è la testardaggine: averci provato e insistito anche quando le cose non andavano benissimo. Nessuna di queste startup finaliste è partito a mille, come sempre succede con le startup; si parte, si fa un errore, si cade, ci rialza si riparte e poi , ad un certo punto, le cose cominciano a girare perché hai azzeccato il prodotto, hai capito il timming, hai trovato il mercato. Quindi questi 10 davvero dimostrano che anche in Italia si possono fare startup di successo che hanno una prospettiva trionfale perché molti di questi ormai si muovono su una dimensione che è più grande dell’Italia.

 

Ecco le dieci startup finaliste dell’Open Summit di Startup Italia

 

Talent Garden, uno dei primi co-working in Italia.

Musement mette a disposizione informazioni sulle attività ed eventi di musei e attrazioni.

WISE Neuro è una startup che progetta una nuova generazione di elettrodi per la neuro-modulazione di neuro-monitoraggio.

Il team di Genenta Science sviluppa una basata sull’inserimento di un gene con capacità terapeutiche nelle cellule staminali.

VisLab, un’auto tecnologica con guida automatica, per molti la vera concorrente della Google Car.

HelloFood Italia, la startup di consegne a domicilio comprata da Rocket Internet.

Soundreef nasce a Londra da founders italiani, gestisce copyright e royalities per gli autori.

Satispay è un app che consente di inviare denaro da uno smartphone ad un altro.

MoneyFarm permette agli agli utenti di pianificare e gestire gli investimenti.

DoveConviene è un’app utilizzata da 7 milioni di persone che ricevono volantini e cataloghi georeferenziati su pc, smatrphone e tablet.

And the winner is…

Le tre super finaliste, scelte tra le top ten startup italiane sono Genenta Science, Talent Garden e Wise, mentre Open BioMedical Intiative. si aggiudica il FunkyPrize.

Si aggiudica il titolo di miglior startup dell’anno all’Open Summit di StartupItalia! VisLab, l’innovativo sistema di guida senza pilota che lancia la sfida alla Google Car.

Nata nel 2010, il gioiello dell’università di Parma è stata acquistata da Ambarella Inc. per 30 milioni di euro.