Come PMI e grandi brand costruiscono i propri social media team

Fare dei social media una priorità, capire il numero esatto dei componenti del team e dividere i ruoli in base alle competenze

Kurosawa
Federico Gambina

Web Editor & Social Media Specialist


Quando per la prima volta si è affacciata la categoria del Social Media Marketing nel già vasto panorama del Marketing tradizionale, le imprese di tutto il mondo si sono trovate di fronte ad un oggetto non identificato, misterioso.

La maggior parte di queste aziende hanno iniziato lentamente, e in modo poco convinto, ad assumere personale molto giovane da inserire in qualche ufficio a “twittare o postare” questo o quel contenuto, senza però avere in mente un obiettivo chiaro e senza alcuna conoscenza delle reti che stavano utilizzando.

Oggi non è più così.

Il Social Media Marketing è cresciuto molto sia in popolarità sia in importanza, tant’è che nel 2015 ci sono stati circa 76.000 professionisti inseriti e specializzati in questo ambito. Esistono indubbiamente aziende poco lungimiranti che usano giovani con basso livello di conoscenze, ma in linea generale il livello di professionalità e integrazione con altri obiettivi di marketing è molto più elevato, l’opportunità maggiore e di conseguenza i bilanci e i team sono più grandi.

LEGGI ANCHE: Social media: come impiegarli nella formazione? [HOW TO]

Ma come costruire un social media team?

3 step per la costruzione di un social media team


Secondo alcune interviste, riassunte nel report “The State of Social Media Marketing – 2015”, i professionisti del settore individuano tre componenti essenziale del successo:

1. strategia e pianificazione centralizzata;
2. direzione legata agli obiettivi di business;
3. esecuzione tattica dedicata.

Affinché queste tre componenti siano messe in atto, un’azienda deve prima fare dei social media
una priorità, aggiungiamo che affinché i social media diventino una priorità, i responsabili delle aree marketing devono capire come si inserisce nel più ampio mix di marketing digitale.

Social media team: il numero dei componenti

Il numero dei dipendenti e dei titoli di lavoro varia a seconda delle dimensioni, degli obiettivi, e delle esigenze di ogni azienda. In molte organizzazioni, il numero dei ruoli per i social media è molto limitato. Da un recente sondaggio, svolto per lo stesso report, si sottolinea che il 65% dei social team hanno tra una e tre persone specificamente dedicate ai social media.

Questo perché il ruolo di Social Media Strategist può essere una funzione di regista, o per meglio dire di un Social Media Manager che oltre a svolgere il ruolo di stratega svolge anche quello di Community Manager. Tutte queste figure professionali sono un lusso per molte organizzazioni, bisogna però sottolineare che gli elementi strategici e tattici di tale quadro sono e devono essere un must.

Naturalmente non sono i dirigenti delle organizzazioni a non pensare strategicamente, ma la loro funzione principale resta l’esecuzione.

I diversi ruoli di un social media team

Social Media Team

In base ai dati raccolti dal report si evince che il ruolo più comune è quello del Social Media Manager. Questo ruolo può essere considerato un “catch all” poiché chi svolge questa mansione è responsabile dell’intero processo di Social Media Marketing, dalla pianificazione fino alla misurazione e ottimizzazione.

Altri ruoli importanti, che nonostante la loro utilità strategica e funzionale non sono molto considerati restano quelli di Social Media Strategist e Community Manager. Ognuno di questi ruoli ha un’importanza strategica e funzionale molto importante nel processo di creazione e di gestione della presenza social.

Lo abbiamo già detto. La creazione di un social media team deve essere fatta in relazione a obiettivi e ampiezza dell’azienda, ma ogni ruolo ha una sua importanza specifica ed è importante che queste diverse mansioni siano considerate come fondamentali nella creazione del team, sia dai grandi brand che dalle PMI.



VUOI APPROFONDIRE L'ARGOMENTO?