Eataly: le eccellenze italiane che ci invidiano all’estero [CASE STUDY]

Vita, comunicazione e successi dell??azienda fondata da Oscar Farinetti



Eataly: le eccellenze italiane che ci invidiano all’estero [CASE STUDY]

Il 27 gennaio 2007, a Torino, nasce Eataly, primo supermercato al mondo dedicato interamente ai cibi di qualità: ristoranti, bar, scuole di cucina, cantine e molto altro. Con il tempo Eataly è diventata grande ed ha aperto sedi in tutta Italia ed anche all’estero.

Ma perché tanto successo? Semplice! Eataly è Mangiare Italiano, ma non soltanto cibo italiano.

LEGGI ANCHE: La ricetta per il digital marketing del settore food

Il più grande obiettivo di Eataly è dimostrare come i prodotti di alta qualità possano essere a disposizione di tutti: facilmente reperibili e a prezzi sostenibili, ma non solo; Eataly vuole comunicare i volti, i metodi produttivi e la storia delle persone e delle aziende che costituiscono il meglio dell’enogastronomia italiana, ispirandosi a parole chiave come sostenibilità, responsabilità e condivisione. E visto il successo, ci riesce, anche, abbastanza bene.

I 3 punti di forza

  1. La semplicità che caratterizza l’esperienza ed i luoghi Eataly.
  2. La trasparenza, come afferma  Oscar Farinetti: “si mangia ciò che vendiamo, si vende ciò che mangiamo.”
  3. La qualità e l’eccellenza italiana  che contraddistinguono tutti i prodotti.

Eataly  è cresciuta nel corso degli anni proprio grazie a questo mix di qualità, semplicità e trasparenza, che è stato fortemente percepito ed apprezzato anche all’estero.

Gli italiani possono, quindi, essere orgogliosi del proprio Paese  e gli stranieri, grazie ad Eataly, possono amare l’Italia ancora di più.

La catena simbolo della genuinità italiana non poteva non essere presente all’Expo, ma l’impegno non si esaurisce nei sei mesi di esposizione, in quanto Oscar Farinetti ha dichiarato che:

nell’ambito di un grande progetto di Slow Food, Eataly si impegna a finanziare per tre anni la creazione di mille orti in Africa, con l’intento di aiutare quei popoli del mondo che hanno problemi di nutrizione e che possono essere spinti a ritrovare l’orgoglio per la loro cultura e per la loro biodiversità.

LEGGI ANCHE: 5 PMI del settore Food e Wine che hanno vinto i social media

Tra le iniziative più importanti di Eataly ricordiamo:

  • Eataly e Italo insieme per l’ambiente. Le due aziende, due simboli del made in Italy, si sono impegnate con un accordo volontario che mira alla valutazione e contabilizzazione delle emissioni di gas serra, per una loro riduzione, nell’ambito delle strategie contro il cambiamento climatico.
  • “Mangia, Scrivi, Eataly!”: Eataly, in collaborazione con Scuola Holden, lancia la prima edizione del Concorso Letterario, finalizzato a dare visibilità al talento dei giovani nella scrittura.
  • I Borghi più belli d´Italia con Eataly ad Expo 2015: 160 comuni animano lo stand dei Borghi, situato nel padiglione Eataly, oltre a far conoscere la bellezza dell’Italia nascosta.

Eataly: le eccellenze italiane che ci invidiano all’estero [CASE STUDY]

Tuttavia, questi sono soltanto i risultati di un lungo percorso fatto di impegno, competenza e genialità. In un settore come quello del Food che cresce giorno dopo giorno non basta, però, solo il lavoro duro, è importante la conoscenza, che permette di andare oltre gli schemi tradizionali e di sfruttare, quindi, i vantaggi derivanti dagli strumenti offerti dal mercato (prima degli altri).

Eataly: le eccellenze italiane che ci invidiano all’estero [CASE STUDY]

Se vuoi anche tu specializzarti in questo settore, imparando dai migliori “i trucchi del mestiere”, puoi farlo grazie al Master Food & Wine 3.0, organizzato dall’IUSVE.



Scritto da

Rosanna Crocco

Classe 1987; cresce ad Acri, un paesino in provincia di Cosenza. Una Laurea in Economia Aziendale ed un Master in Marketing Management le permettono di studiare ed approfondire ... continua

Condividi questo articolo


Segui Umeka su Twitter .

Amiamo ricevere i tuoi commenti a ideas@ninjamarketing.it