Uber e Croce Rossa insieme per l’emergenza profughi #UberGIVING

Milioni di utenti, insieme, possono fare la differenza

Fabio Casciabanca
Fabio Casciabanca

Editor Business Ninja Marketing

Uber e Croce Rossa insieme per l'emergenza profughi

Sarà #UberGIVING in 20 città in 11 paesi Europei, mercoledì 9 settembre, dalle 10.00 alle 18.00, giorno in cui Uber, in partnership con la Croce Rossa Italiana, raccoglierà spazzolini, borse, detersivi e tanti altri beni necessari per offrire materiali e supporto ai migliaia di profughi arrivati in tutta Europa nelle ultime settimane.

Come funziona #UberGIVING

Forse ci soffermiamo troppo poco sulla parola sharing della sharing economy. Possiamo utilizzare le enormi potenzialità delle tecnologie a nostra disposizione per fare del bene.

E così anche una comunità ampia come quella di Uber, che conta decine di migliaia di driver e milioni di utenti in tutto il mondo, può dare un decisivo contributo per aiutare le realtà e gli individui che cercano di far rete per rispondere a questa emergenza umanitaria di così grandi proporzioni.

Aiutare il prossimo, in questo caso, è davvero facile come usare un’app. Di questo si tratta, infatti: per partecipare a #UberGIVING, mercoledì 9 settembre apri l’app di Uber e seleziona GIVING .

L’auto più vicina verrà a ritirare il materiale che hai messo a disposizione senza alcun costo.

Quali oggetti posso donare?

Uber e Croce Rossa italiana

Questa è la domanda giusta!

Uber provvederà a ritirare i materiali richiesti dalla CRI, quindi prepara una borsa con prodotti per l’igiene, abbigliamento, calzature, schiuma da barba e lamette; puoi trovare maggiori informazioni sul sito della Croce Rossa Italiana.

Le donazioni verranno consegnate a un centro locale della Croce Rossa e distribuite alle persone che ne hanno maggiormente bisogno.

LEGGI ANCHE: Come la Sharing Economy può salvarci dalla crisi economica

Ogni paese coinvolto in #UberGiving potrà raccogliere beni di prima necessità differenti. Così, per esempio, nei Paesi Bassi, Uber chiede agli utenti di donare soprattutto sacchi a pelo, che saranno inviati alle migliaia di profughi che arrivano attualmente in Grecia, molti dei quali dormono in strada.

Se Uber e Croce Rossa muovono l’Europa

Uber e Croce Rossa insieme per l'emergenza profugh

Dopo aver dichiarato l’intenzione di tornare sulle strade di Roma con il servizio low-cost per aiutare il sistema di trasporti urbano durante i giorni del Giubileo, Uber fa parlare ancora di sé con questa campagna per gli aiuti umanitari.

Non è semplice marketing etico, troppo urlato per un’operazione che invece è tanto delicata da apparire appena sussurrata. Piuttosto un modo, come si diceva all’inizio, per far comprendere a tutti, attraverso gesti semplici e spontanei, quanto sia semplice vivere la sharing economy.

Un modo per mostrare le mille sfaccettature e i possibili utilizzi di un servizio che sembra voler continuare a far parlare di sé più per i valori positivi che intende investire, che per le polemiche o le sentenze dei tribunali.